Ginnastica, Serie A – Tutto il regolamento del campionato: punti speciali, scudetto, retrocessioni e…

Lara-Mori-Novara.jpg

Sabato 28 febbraio si disputerà al Forum di Milano la seconda tappa della Serie A 2015 di ginnastica artistica. Vediamo da vicino il regolamento del campionato.

 

–       Il Campionato di Serie A 2015 di ginnastica artistica si svolgerà su quattro tappe: Ancona (PalaRossini, 7 febbraio); Milano (Forum di Assago, 28 febbraio); Firenze (Mandela Forum, 14 marzo); Pesaro (Adriatic Arena, 9 maggio). Vi partecipano dodici squadre femminili nella Serie A1 e undici squadre femminili nella Serie A2.

–       In ciascuna tappa ogni squadra schiera quattro ginnaste su ciascun attrezzo. La somma dei tre punteggi migliori conquistati da ogni singola ginnasta darà il punteggio di squadra in quella determinata specialità (esempio alla trave: ginnasta 1: 14.000; ginnasta 2: 13.000; ginnasta 3: 13.000; ginnasta 4: 12.900). Totale di squadra alla trave: 40.000)

–       La somma dei quattro risultati di specialità (trave, corpo libero, parallele asimmetriche, volteggio) fornirà il punteggio finale totale di squadra e decreterà la classifica finale in ciascuna tappa.

–       In base al piazzamento maturato in una determinata tappa vengono attribuiti dei punti speciali: 25 alla prima classificata, 22 alla seconda, 20 alla terza, 18 alla quarta, 16 alla quinta, 14 alla sesta, 12 alla settima, 10 all’ottava, 8 alla nona, 6 alla decima, 4 all’undicesima, 2 alla dodicesima. Se una squadra non partecipa a una tappa prende 0 punti.

–       La squadra che, al termine delle quattro tappe, avrà il maggior numero di punti speciali si laureerà Campione d’Italia.

–       Le ultime due classificate, dunque le due formazioni con il minor numero di punti speciali al termine delle quattro tappe, retrocederanno in Serie A2 rimpiazzate ovviamente dalle prime due classificate della Serie cadetta. Le ultime tre classificate in Serie A2 retrocederanno in Serie B. Le prime quattro classificate nella Finale di Serie B verranno promosse in Serie A2.

–       In caso di pari merito (cioè ugual numero di punti speciali tra due o più squadre) si andranno a guardare i punteggi conquistati in ciascuna tappa. Ad esempio: squadra 1 realizza 140 punti ad Ancona, 150 a Milano, 150 a Firenze, 150 a Pesaro per un totale di 590 punti; squadra 2 realizza 150 punti a Ancona, 140 a Milano, 140 a Firenze, 140 a Pesaro  per un totale di 570 punti. La squadra 1 ha diritto al piazzamento finale migliore.

 

Lo stesso regolamento vale anche per il campionato maschile, ma con alcune importanti varianti:

– Vi partecipano nove squadre nella Serie A1 e altre nove nella Serie A2.

– Ogni squadra può schierare tre ginnasti su ciascun attrezzo (ovviamente sono sei: corpo libero, volteggio, parallele simmetriche, sbarra, cavallo con maniglie, anelli). I migliori due punteggi vengono conteggiati.

Non sono previste retrocessioni! Tre promozioni in Serie A1 per le squadre a podio in A2, tre promozioni dalla Serie B alla Serie A2.

 

Articoli correlati:

Serie A – Tutto il regolamento del campionato: punteggi speciali, retrocessioni e…

 

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top