Equitazione: Kutscher vince in Coppa del Mondo, un podio per Moneta

oa-logo-correlati.png

Tra i tanti appuntamenti del CSI-W cinque stelle di Londra, il più atteso era certamente quello valido per la Coppa del Mondo di salto ostacoli, una competizione con jump-off ed ostacoli posti ad 1.60 metri d’altezza. A spuntarla, dopo uno spareggio che ha visto protagonisti ben tredici binomi, è stato il tedesco Marco Kutscher su Cornet’s Cristallo. Il teutonico ha infatti realizzato un percorso netto in 37″66, precedendo così il connazionale Daniel Deusser su Carriere (38″44) e la svedese Malin Baryard-Johnsson su H&M Tornesch (39″70). Buona prova anche per l’azzurro Luca Maria Moneta, che si è classificato sesto in sella a Connery (42″10), preceduto anche dal padrone di casa Robert Whitaker su Catwalk IV (40″49) e dal norvegese Geir Gulliksen su Edesas S Banjan (41″42).

Dopo la prova di oggi, la testa della classifica di Coppa del Mondo resta sempre nelle mani del campione olimpico Steve Guerdat. Lo svizzero, assente in Inghilterra, resta fermo a quota 57 punti, con dieci unità di vantaggio sull’olandese Harrie Smolders. Grazie al successo odierno, il tedesco Kutshcer si porta in terza posizione con 44 punti, uno in più di Deusser. Il miglior italiano resta Emanuele Gaudiano, trentesimo con quindici punti, mentre Moneta risale in trentaduesima piazza con quattordici unità.

Proprio Moneta era stato tra i grandi protagonisti della prima prova di giornata, nella quale ha ottenuto la terza posizione in sella a Jesus de la Commune. Il cavaliere azzurro ha fatto segnare un crono di 48″98, battuto solamente dallo statunitense Reed Kessler, vincitore su Soraya de l’Obstination (44″87), e dal britannico Ben Maher su Cloud Nine II (45″31).

La giornata si è conclusa con la prova con jump-off, vinta dal numero uno mondiale Scott Brash. Assieme ad Hello M’lady, il cavaliere di casa ha chiuso il percorso decisivo in 35″52, davanti allo spagnolo Sergio Álvarez Moya su Abab van het Molenhof (35″68) ed al francese Kevin Staut su Sunday Top H D C (37″60). Moneta è stato ancora protagonista di una buona prova, questa volta con Quova de Vains, chiudendo quinto in 38″87, alle spalle dello svedese Peder Fredricson, quarto su H&M All In (38″87). Emanuele Gaudiano, invece, ha concluso in diciannovesia posizione con V Power of Heritage.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top