Seguici su

Pattinaggio Artistico

Pattinaggio di Figura,Rostelecom Cup: dominio di Fernandez, Stolbova/Klimov e Chock/Bates. Brilla Rika Hongo

Pubblicato

il

Ultima giornata di gare alla Rostelecom Cup, quarta tappa del circuito Grand Prix di pattinaggio di figura, dove ha preso parte anche il campione azzurro Ivan Righini.

In campo maschile domina entrambi i segmenti della competizione lo spagnolo Javier Fernandez: l’atleta iberico ha completato con qualche imprecisione i tre quadrupli presentati. Merita il punteggio totale di 265.01. Secondo invece il russo Sergei Voronov con 252.02, che ha atterrato perfettamente la combinazione quadruplo toeloop-triplo toeloop. Bronzo per il ceco Michal Brezina con 241.23, che finalmente riesce a tornare sul podio, dopo un periodo di risultati altalenanti. Il giapponese Takahiko Kozuka, terzo nello short, scivola in sesta posizione a causa di due cadute e altri errori tecnici. Medaglia di legno per l’uzbeko Misha Ge con 238.05. Rimane undicesimo l’italiano Ivan Righini, che macchia il lungo con due cadute.

1 Javier FERNANDEZ
ESP
265.01 1 1
2 Sergei VORONOV
RUS
252.00 2 2
3 Michal BREZINA
CZE
241.23 4 3
4 Misha GE
UZB
238.05 5 5
5 Jason BROWN
USA
235.56 7 4
6 Takahiko KOZUKA
JPN
216.80 3 7
7 Max AARON
USA
212.60 6 6
8 Artur GACHINSKI
RUS
201.26 8 9
9 Stephen CARRIERE
USA
201.24 10 8
10 Jeremy TEN
CAN
198.50 9 11
11 Ivan RIGHINI
ITA
195.07 11 10
12 Moris KVITELASHVILI
RUS
174.25 12 12

Tra le donne brilla l’eccellente performance della pattinatrice del Sol Levante, Rika Hongo, che trionfa nella sua seconda tappa di Grand Prix seniores con 178.00. La giovane atleta è stata ben premiata per quanto riguarda le trottole e la sequenza di passi. La russa Anna Pogorilaya recupera una posizione rispetto al corto e arriva dunque seconda con 173.43. Completa il podio la sorpresa della giornata di ieri, Alaine Chartrand con 172.00: la canadese commette diversi errori per quanto riguarda la rotazione dei salti, valutata spesso imprecisa, ma può comunque essere soddisfatta dei suoi programmi complessivamente. L’americana Mirai Nagasu giunge quarta con 165.88.

1 Rika HONGO
JPN
178.00 2 1
2 Anna POGORILAYA
RUS
173.43 3 2
3 Alaine CHARTRAND
CAN
172.00 1 3
4 Mirai NAGASU
USA
165.88 4 6
5 So Youn PARK
KOR
163.24 7 4
6 Miyabi OBA
JPN
154.57 10 5
7 Maria STAVITSKAIA
RUS
153.49 6 8
8 Ashley CAIN
USA
150.90 5 9
9 Angela WANG
USA
150.75 9 7
10 Maria ARTEMIEVA
RUS
144.72 8 10
11 Eliska BREZINOVA
CZE
134.04 11 11
WD Joshi HELGESSON
SWE
12

Nella danza si confermano Madison Chock e Evan Bates: il duo americano con 174.28 trionfa nel secondo Grand Prix in carriera e può aspirare dunque a conquistare un buon risultato anche nella Finale di Barcellona a dicembre. I pattinatori a stelle e strisce stanno letteralmente risalendo le gerarchie internazionali e stanno diventando sempre di più la coppia da battere. Il duello in casa Russia viene vinto da Elena Ilinykh e Ruslan Zhiganshin, che raggiungono la seconda posizione con 160.43, mentre Victoria Sinitsina e Nikita Katsalapov si fermano ai piedi del podio con 147.55. Da notare comunque che i secondi classificati avevano già preso parte alla Cup of China, dove avevano chiuso in quarta posizione. Ottimo il libero degli inglesi Penny Coomes e Nickolas Buckland, che portano a casa il bronzo con 158.02.

1 Madison CHOCK / Evan BATES
USA
174.28 1 1
2 Elena ILINYKH / Ruslan ZHIGANSHIN
RUS
160.43 2 3
3 Penny COOMES / Nicholas BUCKLAND
GBR
158.02 3 2
4 Victoria SINITSINA / Nikita KATSALAPOV
RUS
147.55 4 4
5 Alexandra STEPANOVA / Ivan BUKIN
RUS
143.51 5 5
6 Kaitlin HAWAYEK / Jean-Luc BAKER
USA
136.33 7 6
7 Alexandra ALDRIDGE / Daniel EATON
USA
133.38 6 7
8 Rebeka KIM / Kirill MINOV
KOR
118.27 8 8

La Russia realizza nella gara delle coppie di artistico il tanto desiderato en plein: Ksenya Stolbova e Fedor Klimov conquistano la medaglia più prestigiosa con 211.97, grazie agli elementi tecnici ben eseguiti, come i lanciati, specialmente il triplo salchow alla fine del programma. Evgenia Tarasova e Vladimir Morozov con 173.78 si impongono su Kristina Astakhova e Alexei Rogonov, terzi con 164.86. Gli americani Haven Denney e Brandon Frazier non riescono a rimontare, nonostante il secondo libero, e si accontentano della medaglia di legno con 164.85, ad un centesimo dal bronzo.

1 Ksenia STOLBOVA / Fedor KLIMOV
RUS
211.97 1 1
2 Evgenia TARASOVA / Vladimir MOROZOV
RUS
173.78 2 5
3 Kristina ASTAKHOVA / Alexei ROGONOV
RUS
164.86 3 4
4 Haven DENNEY / Brandon FRAZIER
USA
164.85 4 2
5 Jessica CALALANG / Zack SIDHU
USA
157.45 5 3
6 Annabelle PRÖLSS / Ruben BLOMMAERT
GER
145.16 6 6
7 Narumi TAKAHASHI / Ryuichi KIHARA
JPN
132.60 7 7
8 Dee Dee LENG / Simon SHNAPIR
USA
128.68 8 8

 

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per seguirci su Twitter

eleonora.baroni@olimpiazzurra.com

Foto: Profilo Fb Stolbova

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *