Milano-Torino 2014: G. Caruso trionfa a Superga, Nocentini 2°

gcaruso.jpg

Giampaolo Caruso (Katusha) doma il colle di Superga, al termine dei 193.5 km di gara, e fa sua la Milano-Torino 2014, confermando l’ottimo stato di forma di questo finale di stagione.

Decisiva, ovviamente, la salita finale. Dopo aver ripreso la fuga del mattino, la parte cruciale della corsa è caratterizzata dalle lunghe tirate in testa al gruppo di Astana e Tinkoff-Saxo: poco prima dei 20 km al traguardo, è però Diego Rosa (Androni Giocattoli) a rompere gli indugi, venticinquenne piemontese fresco di contratto proprio con l’Astana per la nuova stagione. Ai -10 viene ripreso dall’altro uomo di casa Fabio Felline (Trek), ma sulla salita finale gli uomini di Contador riassorbono i due attaccanti. Il russo Serguei Chernetski (Katusha) è il primo a tentare l’azione decisiva sulle rampe verso Superga: si muovono anche lo stesso Rosa e gli attesissimi Fabio Aru e Alberto Contador, ma sono Giampaolo Caruso e Rinaldo Nocentini a riportarsi sul russo e a staccarlo all’ultimo chilometro. Proprio il trentaquattrenne siciliano della Katusha, reduce dai Campionati del Mondo di Ponferrada, va a centrare un successo che gli mancava addirittura da cinque stagioni, quando nel 2009 si impose al Brixia Tour: al suo fianco, sul secondo gradino del podio si accomoda l’esperto toscano dell’Ag2r, mentre terzo è lo spagnolo Daniel Moreno. Appena fuori dai magnifici tre il comunque brillante Fabio Aru, quarto davanti a Joaquim Rodríguez per un totale di tre atleti della Katusha nella top five. Sesta piazza per Alberto Contador, ottavo Davide Rebellin.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top