Golf, Portugal Masters: Levy non viene scalfito, Crespi unico a superare il taglio

crespi-golf-colmar-mar2014.jpg

Ne era già praticamente certo ieri, ma oggi è arrivata la definitiva conferma. Alexander Levy comincerà da leader l’ultimo round del Portugal Masters (montepremi € 2.000.000), dopo che gran parte del field ha concluso il secondo giro di un torneo ridotto a 54 buche causa maltempo. Il francese aveva alzato l’asticella a -18 (124 – 63 61) con uno straordinario 61 (-10) ed ha potuto beneficiare di un giorno di riposo.

Non è riuscito ad avvicinarsi, nelle due buche giocate quest’oggi, Nicolas Colsaerts, secondo a tre colpi da Levy (127 – 60 67, -15) dopo aver completato in -4 il suo secondo giro. Ancora in corsa per un successo finale il cileno Felipe Aguilar, salito in terza posizione a -13 (129) con un gran 64 (-7). Difficile, ma non impossibile, la rimonta per l’inglese Richard Bland, il danese Morten Orum Madsen e il francese Romain Wattel, quarti a ben sette colpi di distanza da Levy con -11 (131). Fuori dai giochi, a meno di score esagerati, il francese Grégory Bourdy, gli inglesi Danny Willett e Chris Wood, lo scozzese Scott Jamieson e il nord-irlandese Michael Hoey, settimi con -10 (132).

Nel disastro generale degli azzurri, si salva soltanto Marco Crespi. Il lissonese perde quindici posizioni con un opaco 70 (-1), ma riesce a salvarsi dal taglio con un totale di -4 (138 – 68 70), in 47esima posizione. Ordinata la sua condotta di gara, con quattro birdie e tre bogey. Non riesce ad ovviare agli errori di ieri Francesco Molinari, 68° a -2 (140 – 68 72) e che chiude a +1 un round in cui pesa enormemente il triplo bogey della 18 (ma il torinese partiva dalla 9), preceduto da un bogey e impossibile da alleggerire con i soli tre birdie realizzati. Taglio inevitabile, così come per Matteo Manassero che, nonostante la bella reazione con un 67 (-4), aveva sul groppone il 74 (+3) di ieri e non va oltre l’80° posto a -1 (141 – 74 67). Si arena in 101.ma posizione, invece, Andrea Pavan, mai in partita e a +2 dopo il secondo 72 consecutivo (144). Eppure, il romano aveva chiuso le prime 9 con quattro birdie ed un bogey, prima di crollare a causa di altri quattro bogey nella seconda metà del percorso.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla pagina dedicata al golf!
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Foto: colmar.it

Tag

Lascia un commento

Top