Volley, Mondiali 2014 – Brasile annienta Russia! Impresa Germania: è semifinale!

GalleryPic.jpg

Il Brasile, quando è con le spalle al muro, è sempre in grado di cambiare marcia e di pigiare sul turbo. I Campioni del Mondo stravincono la partita delle partite, sconfiggendo la Russia per 3-0 (25-22; 25-20; 25-21). I verdeoro riscattano prontamente lo scivolone di ieri contro la Polonia (che sarebbe potuto costare l’eliminazione) e conquistano la qualificazione alle semifinali sfiancando alla lunga i Campioni Olimpici, obbligati ora a battere nettamente i padroni di casa (3-0 o 3-1) per entrare tra le prime quattro al Mondo.

Gli uomini di Bernardinho hanno sempre dato l’impressione di avere in mano l’incontro, spingendo di più al servizio. Recuperato a pieno regime Wallace (14 punti), Lucarelli top scorer (15), Murilo e Dos Santos molto bene in campo, Bruninho agevole in cabina di regia. Vissotto non è mai partito titolare ed è sempre subentrato nei tre set, andando a referto con 1 punto.

La Russia, in grande difficoltà anche causa infortuni, ha recuperato Pavlov (12) e Spiridonov (7), ma purtroppo attacco e contrattato non hanno funzionato come nei giorni migliori. Muserskiy si ferma a 11 punti con 3 muri.

 

La Germania ha fatto l’impresa! A Katowice è successo quello che nessuno si sarebbe mai aspettato. I tedeschi hanno asfaltato il favorito Iran con un secco 3-0 (25-15; 25-21; 25-19) e si qualificano clamorosamente alle semifinali! Nessuno si sarebbe aspettato di vederli fino a questo punto del Mondiale di volley… L’Iran, per entrare tra le migliori quattro del Pianeta, dovrà invece battere la Francia per 3-0 con almeno 18 punti di vantaggio (e in quel caso i transalpini sarebbero eliminati).

I teutonici hanno dominato in tutti i fondamentali, soprattutto a muro dove invece i persiani avrebbero dovuto giganteggiare: 12 contro 6. Servizio ineccepibile (8 aces contro 2), in più sono arrivati anche troppi errori da parte degli uomini di Kovac. L’incontro è stato a senso unico.

Uomo di giornata un fenomenale Gyorgy Grozer: 22 punti, 63% in attacco, 4 aces. Sontuosi anche i 4 muri di Kampa, la bella prestazione di Boehme (8 punti, 66% in attacco). Kaliberda in giornata no.

L’Iran è affondato proprio nei suoi punti forti. Pochissimi muri (ne ha messi già 3 il solito Mousavi), attacco troppo spuntato con nessuno in doppia cifra e con percentuali che non hanno mai superato il 30%.

Tag

Lascia un commento

Top