Baseball: un’Italia ambiziosa verso il World Classic 2017

baseball_gasparini_italia.jpg

Si sono conclusi da qualche giorno i Campionati Europei 2014 di baseball, che hanno visto la nostra nazionale chiudere la sua avventura al 2° posto dietro all’Olanda, eppure fra gli appassionati nostrani del “Batti & Corri” impazza già la discussione sulla nazionale del futuro.

A molti, è inutile nasconderlo, non è piaciuta la composizione della rosa per cui ha optato coach Mazzieri.

Il principale capo di imputazione si basa sulla convocazione dei lanciatori Michael Colla e Pat Venditte, a discapito di Luca Panerati e Roberto Corradini, e della mancanza di un elemento quale Beppe Mazzanti.

L’idea principale però di questa analisi non è solamente quella di discutere sulle scelte dei singoli, operate dal manager toscano, ma di provare ad ipotizzare quale sarà la nazionale che ci attende in futuro, magari verso il World Baseball Classic 2017.

Molti prodotti dell’Accademia Federale nei prossimi anni vivranno certamente una maturazione importante (Gasparini, Celli, Mercuri, Anselmi, Clemente…etc) e giocando Oltreoceano non potranno che migliorare il loro livello diventando dei capisaldi della rappresentativa nazionale come lo è stato di recente, in quel di Ratisbona e Brno, il ricevitore Alberto Mineo.

Ma rimanendo a focalizzare l’attenzione sull’universo statunitense e su tutto quello che gravita intorno alla MLB è impossibile non aprire il capitolo “Paisà”.
Nel 2013 durante il WBC, appunto, i vari Antonhy Rizzo, Nick Punto, Mike Costanzo e Jason Grilli (solo per citarne alcuni) ci diedero una grande spinta verso l’elitè planetaria e francamente, guardando anche la vittoria Oranje di domenica scorsa, dove il roster della squadra di Janssen poggiava molto sui professionisti delle organizzazioni americane, sembra impossibile escludere del tutto questi campionissimi dal giro azzurro.

E’ chiaro che mixare il tutto sarà difficile, comprendendo anche i “veterani” della IBL (Chiarini, Avagnina…solo per fare due nomi), ma per il bene del nostro movimento è necessario farlo impostando contestualmente una riforma dei Campionati Minori anche in seno alla FIBS, di cui però non ci sembra opportuno parlare adesso.

Ci sono poco meno di tre anni che ci separano dall’evento baseballistico più prestigioso al mondo, ma il cammino verso il 2017 dovrà doverosamente passare da degli appuntamenti intermedi, come ad esempio il mondiali U21 che inizierà il prossimo 7 novembre a Taichung (Taiwan) o gli Europei senior del 2016.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

michele.cassano@olimpiazzurra.com

Foto: FIBS

Lascia un commento

Top