Trofeo di Jesolo, vince la Ross! Italia seconda, Fasana storica da Tsukahara


Spettacolo doveva essere e così è stata al VII Trofeo Città di Jesolo. Degli immensi Stati Uniti d’America dominano come da previsione la gara e vincono il loro sesto titolo in laguna (su sei partecipazioni) col perentorio punteggio di 231.650.

L’Italia fa in maniera onorevole il suo compito e, grazie a una prestazione compatta di squadra, coglie un buon secondo posto (221.500) davanti al Giappone (217.800). Quarta l’Australia (206.700).

 

A brillare in laguna è stata Kyla Ross che vince il concorso generale individuale (58.000). La statunitense era la naturale favorita alla valigia ma ha trionfato con una gara tutta particolare e a cui non è abituata: in rimonta. Al volteggio, infatti, la vicecampionessa del Mondo ha abortito la prima rincorsa: arrivata lunga alla tavola ha giustamente deciso di non rischiare un improponibile approccio. Ha ripetuto la rincorsa, ha eseguito il suo Amanar: valutato con 15.300 ma declassato di un punto proprio per l’errore originale.

In quel momento accusava 1.4 punti di distacco dalla Skinner (miglior volteggio di giornata, 15.650) e nove decimi da Peyton Ernst (poi seconda, 57.650). Terza l’altra statunitense Maggie Nichols (57.450).

Incurante rincorreva fino al sorpasso al termine della trave e poi metteva il sigillo con una buona prestazione al corpo libero.

Questo è il suo terzo successo qui a Jesolo: il secondo da senior (dopo quello del 2012), il terzo totale contando anche l’affermazione da junior nel 2011. Mai nessuna come lei nella Classicissima.

 

Ma l’attenzione dell’Italia è tutta focalizzata su una storica Erika Fasana che ha portato in gara l’attesissimo Tsukahara avvitato, uno degli elementi più difficili di tutta l’artistica, subito eseguito in prima diagonale al corpo libero: è la seconda azzurra nella storia a riuscire nella fantastica impresa dopo, ovviamente, Vanessa Ferrari.

La comasca brillava anche al volteggio (14.700, migliore della nostra Nazionale), ma a gioire a fine serata è Elisa Meneghini che proprio sul filo di lana, grazie a una bellissima trave da 14.000, diventa la miglior italiana di giornata nel concorso generale (55.700, contro il 55.550 della Fasana) e si prende anche la soddisfazione di stare davanti a un’americana Madison Desch, chiudendo la propria prova al settimo posto complessivo (la Fasana è nona).

Gara tutta regolare per una buona Giorgia Campana capace di tirare fuori il grido di giornata alla trave dove stampa un 14.000, eguagliando proprio la Meneghini. Fatica ancora sulle amate parallele, dove non va oltre a 13.700, ma è sufficiente per essere la terza italiana.

Bellissima la battaglia finale sui 10cm proprio tra Fasana, Meneghini e Rizzelli rinchiuse in soli due decimi. La Rizzelli era sull’attrezzo non suo e non è riuscita a tenere il podio interno, ma il 14.550 al volteggio merita rilievo.

Brava Lavinia Marongiu, alla prima uscita col body nazionale da senior (53.950). Lara Mori purtroppo ha sporcato la gara con tre cadute alla trave e un’uscita al tappetino (50.650, peggiore delle italiane). Alessia Leolini ha gareggiato da individualista, conducendo una gara tranquilla.

 

La stellina di Andreea Munteanu non ha brillato come ci si aspettava. A una delle sue prime uscite internazionali da senior è caduta subito alle parallele, poi ha colto il miglior punteggio assoluto di giornata alla trave (14.800) e ha chiuso con un buon 54.500.

Le prime sei ginnaste sono tutte statunitensi, poi la nostra Meneghini proprio come successo lo scorso anno: è lei la prima italiana.

 

Di seguito tutti i punteggi. A più tardi per il quadro delle qualificate alle finali di specialità di domani.

 

VOLTEGGIO PARALLELE TRAVE CORPO LIBERO TOTALE
USA
Kyla Ross 14.300 14.900 14.450 14.350 58.000
Peyton Ernst 15.200 14.800 13.550 14.100 57.650
Mykayla Skinner 15.650 13.700 13.950 13.900 57.200
Madison Desch 14.700 13.350 13.350 14.150 55.550
Alyssa Baumann 14.300 14.100 12.900 14.400 55.700
Maggie Nichols 15.050 14.500 13.650 14.250 57.450
ITALIA
Giorgia Campana 13.750 13.700 14.000 13.200 54.650
Erika Fasana 14.700 13.450 13.650 13.750 55.550
Martina Rizzelli 14.550 13.800 12.650 13.400 54.400
Lavinia Marongiu 13.900 13.600 13.300 13.150 53.950
Elisa Meneghini 14.200 13.550 14.000 13.950 55.700
Lara Mori 13.650 13.400 10.150 13.450 50.650
AUSTRALIA
Georgia-Rose Brown 14.250 13.700 11.750 13.400 53.100
Georgia Godwin 14.000 9.250 12.150 13.550 48.950
Madelaine Leydin 0 12.800 0 0 12.800
Kiara Munteanu 13.900 14.100 11.650 13.700 53.350
Mary-Anne Monckton 0 0 12.600 0 12.600
Alexandra Eade 13.400 0 0 12.500 25.900
GIAPPONE
Natsumi Sasada 14.150 13.700 13.800 13.500 55.150
Wakana Inoue 13.750 13.100 12.850 13.550 53.250
Yuki Uchiyama 14.000 14.100 13.550 13.350 55.000
Chinami Otaki 13.650 13.900 13.250 13.100 53.900
Yasuha Matsumura 13.700 0 13.100 13.300 40.100
Minami Honda 13.100 12.950 12.900 11.700 50.650
GRUPPO MISTO
Alessia Leolini 13.350 12.300 13.150 12.750 51.550
Rachel Gowey 14.950 13.900 13.700 14.200 56.750
Madison Kocian 0 14.950 13.000 13.350 41.300
Stefania Stanila 14.750 12.550 13.450 13.700 54.450
Andreea Munteanu 13.850 12.150 14.800 13.700 54.500
Silvia Zarzu 14.400 0 12.050 13.550 40.000

Lascia un commento

scroll to top