Nuoto: Federica Pellegrini, un 2014 interamente dedicato ai 200 sl

La Divina del nuoto italiano ha cominciato la propria stagione settimana scorsa a Lamezia Terme, vincendo tutte le sue gare e dimostrando – anche in un evento di seconda fascia – di possedere poche rivali soprattutto nella ‘sua’ gara, i 200 stile libero. Un rapporto strano, di amore e odio, che però ai recenti Mondiali di Barcellona hanno regalato a Federica Pellegrini un’insperata medaglia d’argento con il tempo di 1’55”14. E pensare che la 25enne di Mirano nemmeno avrebbe dovuto essere iscritta: dopo il flop olimpico, lo ricordano tutti, fu presa la decisione di allenarsi con Philippe Lucas a Narbonne solo nel dorso, per un anno ‘sabbatico’ in vista dei tre di preparazione a Rio.

Ma in Catalogna è arrivato un secondo posto, in una gara non preparata (chi però può affermarlo con certezza?) come gli altri anni. Federica Pellegrini, il talento più puro mai esistito nel nuoto italiano, potrebbe finalmente aver trovato la propria dimensione. Meno completa di altre atlete, eccelle in una sola disciplina (ma non rinnega le altre, 400 sl e 100 e 200 dorso in primis) che pare costruita su misura per lei. Le gare sono ormai una prassi: partenza lenta, virata ai primi 50 in ultima posizione, leggero recupero nelle due successive fino ai piedi del podio e sprint finale da velocista ciclistico per chiudere spesso e volentieri davanti a tutte le avversarie. E’ stato così a Pechino, Roma e Shanghai, a luglio solo la fuoriclasse statunitense Missy Franklin è riuscita a strapparle l’oro.

Cosa aspettarsi, dunque, dall’imminente 2014? Gli eventi in programma non sono troppi, l’obiettivo clou sono gli Europei di Berlino a metà agosto. Appena finita la love-story con Filippo Magnini, è già tempo di allenarsi duramente e pensare al futuro. In ottica 200 sl, sì, ma anche con la testa ad una staffetta 4×200 sl che con Alice Mizzau, Martina De Memme ed una Diletta Carli sempre di più in crescita e oro mondiale giovanile a fine estate in 1’58”94 potrebbe regalare molte gioie all’Italia negli anni a venire.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: bella.it

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nuoto, CLAMOROSO: torna Michael Phelps?

Nuoto: ennesimo record italiano nei 100 farfalla per Rivolta