Atletica, i ranking mondiali per Nazioni (maschili). Italia, come stai?

Anche l’atletica leggera ha i suoi ranking, elaborati dal All Athletics seguendo le tabelle del Dottor Bojidar Spiriev (IAAF Scoring Tables). Con dei calcolatori particolari si danno dei punti a tutte le performance realizzati dagli atleti, sia a livello prestazionale assoluto (quindi tempo o misura) sia relativo (quindi il piazzamento in una determinata gara, secondo la sua importanza).

 

L’Italia si piazza al quattordicesimo posto mondiale nel ranking per Nazioni al maschile, che somma i punteggi dei tre migliori atleti per ciascuna disciplina. Con 50505 punti, il nostro Paese arranca a livello planetario, si è visto scappare la top ten, ora è tallonato dalla Cina, ed è solo al settimo posto europeo.

Gli Stati Uniti d’America guardano tutti dall’alto verso il basso con un dominio netto e schiacciante: 57726 punti, oltre 600 lunghezze di vantaggio sul Kenya che vola grazie a fondo, mezzofondo e Maratona (55067).

Completa il podio, a sorpresa, una grandissima Francia, migliore Nazione europea: 53567 punti per i transalpini grazie soprattutto alle imprese di Lavillenie e Tamgho oltre a un movimento completo e quasi sempre in finale in tutte le specialità.

Giù dal podio la Gran Bretagna (53336), solo quinta la Germania a cui non bastano i concorsi per ritrovarsi più in alto (53287), mentre la Russia deve chinare il capo al sesto posto, giù anche dal podio continentale (53197).

Settima la Giamaica che domina la velocità, ma che poi non ha un movimento completo e ben strutturato (52328). Ottava la Polonia (52004), nono un sorprendente Giappone (51273), decimo il Brasile (51265, difficile da spiegare).

L’Italia si trova alle spalle anche di Spagna, Canada e Sudafrica…

 

Se andiamo a valutare le singole discipline la situazione non cambia a grandi linee ma abbiamo tre grandissimi picchi che ci fanno sorridere. Il migliore arriva ovviamente dal salto triplo, nonostante l’assenza per infortunio di Fabrizio Donato: il trio Greco/Schembri/Quattrociocchi si piazza al quarto posto mondiale (3561), dove però regna la Francia di Teddy Tamgho.

Sorprendente sesto posto per il lancio del martello! Capitan Vizzoni guida Lingua e Povegliano al sesto posto mondiale!

L’altra top ten arriva dal salto in alto: Chesani/Fassinotti/Tamberi ci spingono al settimo posto. Per il resto siamo sempre intorno al quindicesimo posto. Si affonda nel giavellotto, nel decathlon, nei 1500m e soprattutto nel getto del peso dove ci rappresentano due over 40…

 

Di seguito i piazzamenti dell’Italia maschile in tutte le discipline:

SALTO TRIPLO: Greco/Schembri/Quattrochiocchi (3581, quarti)

LANCIO DEL MARTELLO: Vizzoni/Lingua/Povegliano (3419, sesti)

SALTO IN ALTO: Chesani/Fassinotti/Tamberi (3568, settimi)

400 METRI: Galvan/Juarez/Valentini (3430, decimi)

LANCIO DEL DISCO: Faloci/Kirchler/Albertazzi (3375, decimi)

100 METRI: Tumi/Cerutti/Collio (3484, 12esimi)

3000 METRI SIEPI: Floriani/Chatbi/Nasti (3419, 12esimi)

SALTO CON L’ASTA: Gibilisco/Piantella/Stecchi (3463, 13esimi)

10000 METRI: Meucci/Chatbi/La Rosa (3306, 13esimi)

MARATONA: Lalli/Gualdi/Pellecchia (3278, 13esimi)

MARCIA: Rubino/Giupponi/Tontodonati (3465, 14esimi)

400 METRI OSTACOLI: Capotosti/Haliti/Panizza (3375, 15esimi)

5000 METRI: Meucci/La Rosa/Chatbi (3255, 15esimi)

200 METRI: Manenti/Marani/Demonte (3377, 16esimi)

SALTO IN LUNGO: Catania/Ojiaku/Guarini (3326, 16esimi)

110 METRI OSTACOLI: Abate/Fofana/Tedesco (3417, 17esimi)

800 METRI: Benedetti/Riefeser/Moretti (3341, 19esimi)

TIRO DEL GIAVELLOTTO: Benvecchio/Fent/Bertolini (3075, 20esimi)

DECATHLON: Calvi/Cairoli/Simionato (3078, 22esimi)

1500 METRI: Crespi/Abdikadar/Guidotti Icardi (3217, 23esimi)

GETTO DEL PESO: Dodoni/Secci/Dal Soglio (3121, 26esimi)

 

Clicca qui per leggere i ranking italiani femminili.

Clicca qui per leggere i ranking italiani maschili.

Clicca qui per leggere i ranking mondiali maschili.

Clicca qui per leggere i ranking mondiali femminili.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Atletica, i convocati dell’Italia per le Gymnasiadi

Atletica, Bolt e Fraser atleti dell’anno. Ma c’è anche l’Italia…