FURTO Italia. Ferrari quarta alla trave, dopo il ricorso USA

Ne succedono davvero di tutti i colori nella finale alla trave. Ma c’è un ormai classico leit-motiv: l’Italia viene derubata di un podio che era materialmente conquistato!

 

Vanessa Ferrari sale per terza alla trave, conduce un ottimo esercizio. Ordinata, senza particolari difficoltà (D Score di 5.700) riesce a tenere il terzo posto fino alla fine. Sta quasi per festeggiare dopo la caduta della Rodionova che le metteva concretamente al collo il bronzo, ma da dietro le quinte arriva un clamoroso aggiornamento.

Simone Biles, finitale originariamente dietro con diversi errori (lo Tsukahara finale è l’emblema, ha fatto ricorso e la giuria lo ha accolto: il punteggio è stato corretto in 14.333, 33 millesimi meglio del risultato della bresciana… La Campionessa del Mondo sfrutta al meglio un vertiginoso 6.1 di D Score, 4 decimi più di Vanessa…

 

Questo è il miglior risultato dell’Italia alla trave negli ultimi 63 anni (migliorato il quinto posto di Elisabetta Preziosa nel 2009), ma rimane l’amaro in bocca perché si poteva seriamente prendere quel bronzo che manca da Basilea 1950 (Licia Macchini).

 

Lascia perplessa anche la valutazione fatta a Carlotta Ferlito. La siciliana  viene valutata con un modesto 8.383 di esecuzione, pagando pesantemente degli squilibri sui vari salti (ma nulla di così pesante). Soprattutto, però, alla 18enne non vengono riconosciuti alcuni collegamenti che le tolgono tre decimi di D Score rispetto a quanto esibito in qualifica. Il totale di 14.283 la posiziona al quinto posto e la tiene giù dal podio per mezzo decimo.

 

Trionfa una favolosa Aliya Mustafina (14.900), su un attrezzo assolutamente non suo. Strabiliando, meravigliando e stupendo. La russa non è in perfette condizioni fisiche ma si è messa in testa che non sarebbe andata via da Anversa senza un oro: eccola! Terza medaglia per la tartara in questa rassegna iridata dopo il bronzo all-around e quello amaro alle parallele.

Deve recriminare Kyla Ross, elegantissima e praticamente perfetta ma che si deve accontentare dell’argento (14.833): è il terzo secondo posto consecutivo per la statunitense in questa settimana…

 

Tutte, però, devono ringraziare Larisa Iordache. La superfavorita per il successo finale cade clamorosamente dai 10cm, proprio come nella finale all-around, e deve ancora piangere lacrime amare. Lo scricciolo di Bucarest voleva prendersi un oro tanto atteso e invece…

 

TRAVE
1. Aliya Mustafina Russia 14.900
2. Kyla Ross USA 14.833
3. Simone Biles USA 14.333
4. Vanessa Ferrari Italia 14.300
5. Carlotta Ferlito Italia 14.283
6. Chunsong Shang Cina 14.133
7. Larisa Iordache Romania 13.933
8. Anna Rodionova Russia 13.100

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


9 risposte a “FURTO Italia. Ferrari quarta alla trave, dopo il ricorso USA”

  1. Allora mi intendo di ginnastica artistica e queste sono le mie analisi, naturalmente opinionabili, delle travi delle atlete: Vanessa Ferrari, Carlotta Ferlito e Simone Biles.
    Vane: il suo D score è stato valutato 5,700, quando invece era di 6,200, 5 decimi in più. Questo perchè non le sono state contati i seguenti elementi: la combinazione di 2 decimi di ribaltata senza e montone causa “sbilanciamento”, l’enjambè cambio ad anello, causa poca elevazione della gamba, e l’enjambè ad anello per lo stesso motivo.. l’unica cosa dove i giudici si potevano attaccare era la combinazione e basta, il resto era fatto bene quindi il punteggio sarebbe stato 14,600 D- 6,000; E-8,600
    Carlo: il suo D score è stato valutato 5,900, quando invece era di 6,100, due decimi in più, anche per lei la combinazione ribaltata e salto del montone non è stata contata e anche per lei la causa è uno sbilanciamento tra i due elementi, invece in qualifica partiva da 6,200 perchè ha aggiunto un sisonè prima della ribaltata senza + montone, ed’era stata riconosciuta. Quindi il suo punteggio sarebbe stato 14,483 D-6,100 E-8,383
    Biles: il suo D score all’inizio fu valutato 5,900, a causa della combinazione persa dei salti: enjambè cambio + enjambe cambio con mezzo + salto. La combinazione era effettivamente non combinabile a causa di un piccolo sblanciamento tra i due unjambè e tra l’enjambè e il salto c’è stato uno spostamento dei piedi e una pausa. la combinazione dell’enjambè poù anche essere contata, ma quella degli enjambè no! Quindi il punteggio sarebbe dovuto essere 14,233 D-6,000; E-8,133

    • So che Marja ha vinto l’argento a Basilea 1950 alle spalle della Rakoczy, però il suo alloro non è riportato nell’albo d’oro della nostra Federginnastica che infatti conta la medaglia di Vanessa come la numero 49 della nostra storia… L’argento della Ferrari è il nono di sempre, il primo al femminile

  2. Scusate io non mi intendo molto di ginnastica ma ho notato che tutte le atlete che sono finite sul podio hanno fatto ricorso durante la gara.
    Non so bene da quando esiste questa regola ma mi chiedo come mai anche Carlotta non abbia fatto ricorso visto che a detta vostra e anche del commento RAI meritava di più?

Lascia un commento

LIVE – Anversa 2013: le finali di specialità in DIRETTA! Ferrari d’argento!

VIDEO – Ferlito furiosa e polemica: “Basta furti! Ti scappa la voglia”