Volley, Europei 2013: Italia, il tuo girone d’inferno verso la finale

oa-logo-correlati.png

Con la bruttissima sconfitta di ieri contro il Belgio, l’Italia si è incredibilmente complicata il suo cammino agli Europei di volley in corso in Germania e Svizzera.

La Nazionale di Marco Mencarelli dovrà ora passare dagli ottavi di finale dove incontrerà l’insidiosissima e pericolosissima Polonia. Sarà un incontro complicato, equilibrato, da giocare con calma e con la testa. Proprio qui sembrano arrivare le difficoltà per le azzurre…

 

Un eventuale successo, che sarebbe da accogliere con grandi applausi, ci spedirebbe direttamente nelle grinfie della Serbia. Al momento Guiggi e compagne non ci sembrano purtroppo pronte per sfidare alla pari le campionesse in carica. Hanno patito nel Grand Prix e al momento la situazione sembra ancora peggiore…

 

Una clamorosa vittoria, che assumerebbe i tratti dell’impresa, ci trascinerebbe miracolosamente in semifinale. E lì ci sarebbe un altro grandissimo colosso ad attenderci: o l’invulnerabile Russia, nostra classica bestia nera con cui abbiamo già perso nel Grand Prix, o l’ostica Turchia del nostro ex ct Massimo Barbolini. Squadroni da brividi contro cui sarà davvero difficilissimo misurarci…

Chiaro che se l’Italia arrivasse a quel punto tutto sarebbe possibile perché i fantasmi del Belgio sarebbero completamente scacciati.

 

La finalissima? Sarebbe quasi quasi un compitino semplice in confronto perché a questo punto la Germania sembra pronta a giocarsi il titolo davanti alla folla di Berlino: Croazia o Paesi Bassi ai quarti e poi chi uscirà dall’altra parte del tabellone tra Belgio/Francia/Repubblica Ceca sembrano avversari facilissimi per Kozuch e compagne… E contro le teutoniche, l’Italia potrebbe anche sognare…

 

Se avessimo vinto contro il Belgio? Tutto più semplice. Ottavi evitati, ai quarti o Francia o Repubblica Ceca prima della semifinale contro la Germania. Insomma la finale sarebbe stata davvero facile facile da raggiungere…

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Tag

Lascia un commento

Top