Open d’Italia: ruggito di Chicco Molinari, è primo! Super Paratore, 9°

oa-logo-correlati.png

Francesco Molinari si sente a casa più che mai. Sul suo percorso, il Circolo Golf Torino, Chicco sfavilla nel secondo giro dell’Open d’Italia con un perentorio 67 (-5), volando in testa alla classifica con 135 (68 67, -9). Sette birdie e due bogey sulla sua card odierna, ma soprattutto una brillantezza rimasta nascosta per troppe settimane. Non è solo in vetta il torinese, alla pari con il cileno Felipe Aguilar (69 66) e con l’irlandese Simon Thornton (68 67).

Nicolas Colsaerts (65 71), leader ieri, ha girato soltanto in -1 (71) ed è sceso in 4a posizione (136, -8), raggiunto dall’irlandese David Higgins (67 69) e dall’inglese Steve Webster (67 69). Ha perso sei posizioni, invece, un altro dei tre in testa nella giornata iniziale, il tedesco Maximilian Kieffer (65 72), settimo con 137 (-7) insieme all’australiano Marcus Fraser (66 71). Ad addolcire ulteriormente la giornata azzurra, inoltre, c’è anche lo splendido round del dilettante Renato Paratore, già presente all’Omega European Masters. Il 17enne ha risalito ben 55 posizioni con uno spettacolare 66 (-6), frutto di cinque birdie, un eagle e un bogey, e comincerà le 36 buche finali dalla nona posizione (138 – 72 66, -6). Medesimo punteggio per l’argentino Ricardo Gonzalez, l’altro di ieri, gli spagnoli Alvaro Quiros e Alejandro Canizares, lo svedese Johan Edfors, il francese Julien Quesne, il sudafricano Hennie Otto e l’inglese Seve Benson.

Arriva un altro 70 (-2) per un Matteo Manassero che non riesce a scrollarsi dalle posizioni anonime della classifica; tre birdie ed un bogey per il veronese quest’oggi, 25° con 140 (-4). Dopo un gran primo giro, cala inevitabilmente con un 73 (+1) il dilettante 16enne Edoardo Raffaelle Lipparelli, rientrato comunque ampiamente nel taglio in 46esima posizione (142 – 69 73, -2). Accede al weekend anche Alessandro Tadini, 54° con 143 (72 71, -1) ma con poche chance di scalare la graduatoria.

Eliminazione dai risvolti oltremodo pericolosi per Lorenzo Gagli, dalla prossima settimana quasi certamente oltre la 110ma posizione nella Race to Dubai, ultima utile per mantenere la carta. Il fiorentino è scivolato al 101° posto (146 – 74 72, +2) e sarà chiamato a conquistare un piazzamento di rilievo nei prossimi tornei. Saluta il ‘Torino’ anche Matteo Delpodio, 128° a 150 colpi (72 78, +6)

Non ha superato il taglio il resto della pattuglia azzurra: 76esimi Alessio Bruschi, Domenico Geminiani, Andrea Maestroni e Gregory Molteni (144, Par), 101esimo il dilettante Riccardo Michelini (146, +2), 110° Stefano Pitoni, altro dilettante (147, +3), 123esimi Mattia Miloro e Francesco Laporta (148, +4), 128esimi Emanuele Canonica e Luca Ruspa (149, +5), 134° Aron Zemmer (150, +6), 136esimi Lorenzo Scotto e Andrea Romano (153, +9), 142° Lorenzo Guanti (156, +12)

 

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top