Olimpiadi: Italia meglio della Francia. Spagna comparsa a Cinque Cerchi

oa-logo-correlati.png

Come ci piace spesso affermare, su Olimpiazzurra le Olimpiadi non durano 15 giorni, ma quattro anni. E allora parliamo di Olimpiadi…

Spesso, presi da un campanilismo esasperato, siamo portati quasi per istinto a confrontarci con la Francia. Non c’è dubbio che i ‘cugini’ d’Oltralpe siano i nostri più fieri e storici rivali sin dagli albori del XX secolo. Nei decenni sovente l’equilibrio ha regnato sovrano, tanto che al momento, sommando tutti i medaglieri olimpici (edizioni estive ed invernali), sussiste una prevalenza per l’Italia, pur se leggera.

Per quanto riguarda le Olimpiadi estive, il bilancio è di assoluta parità per quanto riguarda il confronto nei medaglieri: 13-13. La Francia, beneficiando oltremodo delle prime edizioni in cui l’Italia era presente con una rappresentativa molto scarna, ha sopravanzato il Bel Paese nelle seguenti edizioni: Atene 1896, Parigi 1900 (Francia 1a nel medagliere), Londra 1908, Stoccolma 1912, Parigi 1924, Londra 1948, Città del Messico 1968, Seul 1988, Barcellona 1992, Atlanta 1996, Sidney 2000, Atene 2004, Londra 2012.
L’Italia, al contrario, ha palesato un dominio nei due decenni ’70-’80, perdendo invece spesso il confronto in quello che possiamo definire come il nostro ventennio d’oro (anni ’90-’00). Ecco le edizioni che ci hanno visto sopravanzare la Francia: Anversa 1920, Amsterdam 1928, Los Angeles 1932 (Italia 2a assoluta), Berlino 1936, Helsinki 1952, Melbourne 1956, Roma 1960, Tokyo 1964, Monaco 1972, Montreal 1976, Mosca 1980, Los Angeles 1984, Pechino 2008.

Per chiarezza espositiva, alle Olimpiadi di St. Louis 1904 né Italia (non presente) né Francia raccolsero medaglie.

L’Italia, invece, è in vantaggio 11-10 nel computo delle edizioni invernali (di conseguenza anche in quello assoluto), avendo prevalso a Oslo 1952, Cortina d’Ampezzo 1956, Sapporo 1972, Innsbruck 1976, Lake Placid 1980, Sarajevo 1984, Calgary 1988, Albertville 1992, Lillehammer 1994 (Italia 4a), Nagano 1998, Torino 2006.

La Francia ha avuto la meglio a Chamonix 1924, St. Moritz 1928, Lake Placid 1932, Garmisch Partenkirchen 1936, St. Moritz 1948, Squaw Valley 1960, Innsbruck 1964, Grenoble 1968, Salt Lake City 2002, Vancouver 2010.

Per quanto riguarda inoltre il medagliere complessivo, dunque considerando tutti i podi conseguiti nelle Olimpiadi estive ed invernali, l’Italia è quinta assoluta dietro Stati Uniti, Urss, Germania e Gran Bretagna e precede i transalpini di 6 ori (236 a 230), anche se la Francia può contare su più metalli totali (766 a 656).

Insomma, regna da sempre un sostanziale equilibrio, ma per ora a spuntarla è l’Italia. Chiaramente si tratta di una situazione in continua evoluzione, con le prossime edizioni (Sochi 2014 e Rio 2016) che dovrebbero sulla carta arridere ai nostri rivali storici. Tuttavia la sfida infinita sembra destinata a perdurare ancora a lungo.

Se Italia e Francia sono delle conclamate potenze storiche e attuali dello sport a cinque cerchi, lo stesso non può in alcun modo dirsi per la Spagna, che su questi palcoscenici da sempre recita un ruolo di comparsa o quasi.

Gli iberici vantano appena 132 medaglie complessive (130 estive, 2 invernali) e figurano ampiamente al di fuori dalle prime 25 del medagliere storico di tutti i tempi. Inoltre le ‘Furie Rosse’ hanno concluso una sola volta tra le prime 10 nelle Olimpiadi estive (proprio nell’edizione casalinga di Barcellona 1992), contro le venti di Italia e Francia. Numeri che sottolineano come la Spagna non possa essere annoverata tra le grandi dello sport mondiale di ogni epoca.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

federico.militello@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top