Mondiali tiro a volo: Pellielo cala il poker a Lima

oa-logo-correlati.png

Un mito dell’Italia sportiva che si conferma senza limiti. Giovanni Pellielo a 43 anni è per la quarta volta campione del mondo! Il tiratore vercellese ha sconfitto nella finale per l’oro il croato Anton Glasnovic 13-11.

Mancato il secondo piattello, l’atleta delle Fiamme Azzurre ha reagito centrando dodici dei tredici bersagli rimanenti. Nulla da fare per il croato, sesto lo scorso anno a Londra e salito sul podio soltanto in una tappa di Coppa del mondo prima di oggi.

Sacerdote mancato, Johnny aveva conquistato 16 anni fa, sempre a Lima, il suo secondo titolo mondiale. Una carriera ricca di soddisfazioni che l’ha visto salire per ben tre volte sul podio olimpico.

Ancora una volta sul podio Alexey Alipov, bronzo come 10 anni fa a Nicosia. Nella finale per il bronzo il russo ha battuto lo spagnolo Alberto Fernandez 13-12.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

francesco.drago@olimpiazzurra.com

WEB TV

3 Replies to “Mondiali tiro a volo: Pellielo cala il poker a Lima”

  1. Federico Militello ha detto:

    Credo proprio che il nuovo formato, con le finali che prevedono un solo doppietto al posto di due, ci abbia agevolato. Molto bene!

  2. Gabriele Dente ha detto:

    …dimenticavo: anche se il tiro a volo è l’unico sport dove ci possiamo permettere il lusso di lasciare (giustamente) a casa un’atleta come Chiara Cainero e vincere lo stesso una medaglia, vi immaginate che cosa sarebbe stato questo mondiale se ci fosse stata anche lei, dominatrice della stagione? Sogno un exploit del genere ai giochi, l’Italia del tiro lo meriterebbe.
    Comunque ringraziamo il tiro a volo e la scherma, eccellenze dello sport italiano. Senza di loro saremmo veramente poca cosa.

  3. Gabriele Dente ha detto:

    Altro stupendo, eccezionale prodotto del tiro a volo azzurro! Ma come si fa vincere il quarto mondiale a ben 18 anni di distanza dal primo?!
    Ormai gli manca solo la medaglia olimpica del colore più importante.
    Noi ovviamente te la auguriamo di cuore, Johnny!

Lascia un commento

scroll to top