Mondiali Firenze 2013: ecco la cronosquadre femminile

oa-logo-correlati.png

A Valkenburg si guardava al ritorno della cronosquadre nel programma iridato-comunque per team, e non per nazionali come in passato-con una certa curiosità mista a scetticismo: in realtà, sulle strade olandesi vennero fuori due gare combattute e dagli alti contenuti tecnici.

La gara femminile premiò la Specialized-Lululemon, eterogeneo team statunitense composto da Ellen Van Dijk, Charlotte Becker, Trixi Worrack, Amber Neben, Evelyn Stevens e Ina-Yoko Teutenberg. Anche quest’anno la squadra diretta da Ronny Lauke ha i favori del pronostico, perché è composta da passiste di altissimo livello in grado di girare alla perfezione lungo i 36 km totalmente piatti tra Pistoia e Firenze.

Medaglia d’argento in carica è la Orica-AIS, che quest’anno schiera Amanda Spratt, Annette Edmonson, Emma Johansson, Loes Gunnewijk, Melissa Hoskins e Shara Gillow, con il direttore sportivo Dave McPartland (ex professionista in Italia nella Tenax) che si dice “convinto di avere ottime chance di vittoria, alla luce del grandissimo lavoro, curato in ogni minimo dettaglio, dei mesi scorsi”.

Attenzione poi alla Boels-Dolmans, che potrà contare sul sestetto composto da Lizzie Armistead, Jessie Dams, Romy Kasper, Nina Kessler, Emma Trott e Adrie Visser; sulla carta la squadra olandese non è al livello delle due precedenti, ma potrebbe rivestire il ruolo della sorpresa. Non vanno sottovalutate nemmeno la Rabobank di Marianne Vos e la Argos-Shimano, così come la RusVelo.

Saranno invece cinque le formazioni italiane: BePink, Cipollini-Alè-Galassia (che schiera anche la campionessa d’Italia della specialità Tatiana Guderzo), Vaiano-Fondriest, Michela Fanini-Rox (Vieceli-Rist-Pietel-Biannic-Manephaan-Epelde) e Faren-Kuota. Le prime due in particolare sembrano attrezzate per fare bene, anche se il podio resta chiaramente un obiettivo molto difficile.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top