Ritmica, Mondiali -1: Farfalle per una mission impossible

oa-logo-correlati.png

Sarà un weekend di fuoco per la ginnastica ritmica italiana che mette tutto in mano alle sue splendide Farfalle.

Le ragazze di Emanuela Maccarani proveranno a riconfermarsi sul tetto del Mondo. A Kiev il sestetto azzurro è chiamato a difendere il favoloso e storico triplete che la generazione precedente aveva conquistato in faccia all’elitè della disciplina: sul trono iridato a Miè2009, a Mosca 2010 e a Montpellier 2011, per riscattare l’ingiustizia delle Olimpiadi di Pechino 2008 e per rinverdire l’ingiallito oro di Madrid 1975.

 

In Ucraina la missione sembra davvero impossibile. La nostra formazione, reduce dal bronzo olimpico, è quasi totalmente rinnovata: Santoni, Blanchi, Laurito e Savrayuk si sono ritirate.

Ci presentiamo all’appuntamento clou della stagione con una squadra molto giovane e che negli ultimi mesi ha brillato nella tappa casalinga di Coppa del Mondo, ma che ha poi commesso tanti errori durante l’ultima uscita a San Pietroburgo.

Russia, Bielorussia, Bulgaria, le padrone di casa saranno avversari tostissimi e davvero duri da sconfiggere.

 

L’obiettivo più concreto e più fattibile da realizzare è quello di conquistare un podio in una delle due finali si specialità: se le azzurre saranno perfette come sanno allora ci potrebbero essere delle ottime chance. Il concorso generale, invece, è molto più complesso: serve freddezza per un’intera giornata, precisione al dubbio e metà squadra pagherà l’emozione del grandissimo debutto. Ma con “cuore e testa”, questa Nazionale potrebbe regalarci immense sorprese.

Un eventuale podio metterebbe il sigillo sulla ventesima medaglia dell’Italia nella storia della massima competizione (al momento 6 ori, 10 argenti, 3 bronzi).

 

Ricordiamo le sei meravigliose ragazze che ci rappresenteranno sotto l’attento sguardo della Maccarani, donna dalle 100 medaglie, della Direttrice Tecnica Marina Piazza e di tutto lo staff azzurro.

La capitana Marta Pagnini, 22 anni, toscana proveniente dall’Etruria Prato e arruolata per l’Aeronautica.

Camilla Bini, 19 anni, romagnola proveniente dall’Aurora Fano.

Chiara Ianni, 21 anni, toscana proveniente dall’Armonia d’Abruzzo.

Camilla Patriarca, 17 anni, lombarda proveniente dalla San Giorgio di Desio.

Andreea Stefanescu, 19 anni, di origini rumene ma residente a Perugia, arruolata per l’Aeronautica.

Valeria Schiavi, 17 anni, marchigiana proveniente dall’Aurora Fano.

 

Questi i brani su cui si esibiranno. Il Dies Irae (tratto dal Requiem di Giuseppe Verdi) per le clavette; una rivisitazione di Paganini e Chopin ad opera del violinista Edvin Marton per le tre palle e due nastri.

Lascia un commento

Top