Pattinaggio artistico: Charlene Guignard ufficialmente italiana

oa-logo-correlati.png

La francese Charlene Guignard ha ottenuto ufficialmente la cittadinanza italiana e potrà rappresentare il Bel Paese nella danza alle prossime Olimpiadi di Sochi 2014.

L’ormai ex-transalpina ha beneficiato della legge n.91 del 1992, che attribuisce al Presidente della Repubblica la facoltà di attribuire il passaporto italiano ad atleti comunitari ed extracomunitari che abbiano conseguito particolari meriti sportivi: una norma che, a nostro parere, andrà sfruttata sempre più anche in futuro per rendere sempre più competitive le selezioni italiane.

La Guignard, classe 1989, gareggia nella danza con Marco Fabbri: i due hanno ottenuto sinora come miglior risultato un secondo posto ai Campionati Europei 2013. Si tratta in sostanza della seconda miglior coppia italiana del momento, preceduta nelle gerarchie nostrane da Anna Cappellini e Luca Lanotte, quarti agli ultimi Mondiali di London.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

federico.militello@olimpiazzurra.com

WEB TV

2 Replies to “Pattinaggio artistico: Charlene Guignard ufficialmente italiana”

  1. Federico Militello ha detto:

    La Idem ne aveva parlato…Peccato che il suo ministero sia durato da Natale a S. Stefano….Però leggi in questo senso sono NECESSARIE ormai…

  2. Luca46 ha detto:

    Io credo che oltre che bisognerebbe trovare una formula anche per quei ragazzi stranieri nati in Italia o arrivati in Italia giovanissimi e che praticamente hanno a cominciato a fare sport qui da noi e che quindi sono frutto del nostro movimento sportivo. Per esempio in una squadra di sincronizzato vicino a dove abito la società sportiva era stata costretta in un primo momento ad escludere dalla formazione una ragazza straniera perchè non essendo ancora cittadina italiana non poteva partecipare ai campionati. Poi la cosa si è risolta ma credo che i casi siano moltissimi in giro per l’Italia.

Lascia un commento

scroll to top