Marco Aurelio Fontana: “Esserci non basta”

oa-logo-correlati.png

Momenti cruciali per la stagione di mountain bike: nel weekend la prova di Coppa del Mondo in Canada, a fine mese i Mondiali in Sudafrica e infine l’ultima tappa del circuito iridato in Norvegia. Marco Aurelio Fontana, bronzo olimpico del cross country, ha chiaramente intenzione di puntare al bersaglio grosso in tutte queste gare, come ha fatto capire da un post pubblicato ieri sera sul suo sito fontanaprorider.it

Bisogna portare a casa il risultato. 

Essere li con i primi al mondo e correre in modo intelligente salvando tutte le energie possibili (non come fanno gli altri che si permettono il lusso di buttarne via..) ti fa stare bene, ti fa sentire forte e capire che il lavoro fatto sta pagando, che potresti portare a casa un risultato importante, finalmente.
Ma anche sui percorsi più facili, anche quando sei concentrato può succedere qualcosa. E di buona norma è un tuo errore quando ti trovi a dover spingere la bici su per una riva di ghiaia perché la gomma posteriore è a terra e gira sul cerchio. Però queste cose succedono a tutti ed abbiamo visto come Nino (a dirla tutta più fortunato di me perché ha pedalato fino al box) pur avendo un problema meccanico è rientrato in gara ed ha vinto come solo i veri Campioni sanno fare.
Bene io mi ritengo una persona molto fortunata perché mi sveglio tutti i giorni e devo andare in bici (lusso…) però in questo periodo ne capitano di tutti i colori e da adesso in poi dovremo stare attenti ad ogni dettaglio per evitare intoppi ed arrivare ai nostri obiettivi.

Dal sito UCI si dice che sono 10mo nella classifica generale di Coppa del Mondo e 4to nel World Ranking quindi non proprio una metà stagione da buttar via ma se penso a quante occasioni abbiamo perso mi mangio davvero le mani quindi adesso #allin per le 3 gare più importanti dell’anno, Canada, Sud Africa e Norvegia.

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Seguici sulla nostra pagina Facebook e sul nostro gruppo

Lascia un commento

scroll to top