Il calcio piange Gilmar, numero uno della leggenda

oa-logo-correlati.png

Quando si pensa al futbol brasiliano, vengono in mente attaccanti e numeri 10 in grado di entusiasmare le folle a suon di gol, dribbling, assist. Eppure, nell’Olimpo degli Dei verdeoro (e di conseguenza in quello mondiale), c’era posto anche per un portiere:  Gylmar dos Santos Neves, più semplicemente Gilmar.

Tra gli anni cinquanta e sessanta, in Brasile, in porta ci finiva chi non era bravo a giocare con i piedi. Chi era scarso, chi non era forse nemmeno degno di avvicinarsi al pallone; era considerato un ruolo non degno di gloria, soprattutto dopo l’errore di Barbosa nella finale mondiale del 1950 che costò alla nazionale verdeoro il titolo mondiale a vantaggio del “piccolo” Uruguay, con un corollario di drammi e suicidi inimmaginabile, e un’esistenza quanto mai turbolenta per quello sfortunato numero uno. Gilmar, nato a Santos il 22 agosto 1930, non si limitò a restituire dignità al suo ruolo: fece di più, scrisse un mito, divenne egli stesso una leggenda, elevandosi ai livelli dello spagnolo Ricardo Zamora (anni trenta) e del suo contemporaneo Lev Jascin, unico portiere a vincere un Pallone d’Oro. La storia di Gilmar è legata al Santos di Pelé, prima ancora che alla nazionale: con la società paulista vinse cinque campionati statali, quattro Taça Brasil, due Coppe Libertadores e altrettante Intercontinentali, prendendosi il lusso di sconfiggere il Benfica di Eusebio e il Milan di Trapattoni, Maldini, Altafini e un giovanissimo Rivera.

Con la Seleção, invece, regalò al popolo brasiliano le prime, grandissime gioie mondiali dopo il “suicidio nazionale” del Maracanà 1950: primo posto in Svezia nel 1958, contro gli scandinavi di Gren e Liedholm, bis quattro anni più tardi in Cile contro la Cecoslovacchia più bella di sempre.

Gilmar se ne è andato poche ore fa, a São Paulo, a causa di un ictus, raggiungendo i compagni che lo hanno già preceduto come Mané Garrincha, Djalma Santos, Didi e Vavà. Le gesta di quella squadra, però, resteranno per sempre nella storia.

foto tratta da mircea21dominte.wordpress.com

marco.regazzoni@olimpiazzurra.com

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top