Golf, Wales Open: Bond scavalca tutti, Tadini 20°

oa-logo-correlati.png

E’ Liam Bond a staccare tutti nella seconda giornata del Wales Open. Il 43enne gallese, con un -3 di giornata, è balzato in testa a quota 137 (69 68, -5), su un Celtic Manor reso maggiormente difficile dalle avverse condizioni meteorologiche.

Il leader di ieri, il norvegese Espen Kofstad (64 74), è scivolato in seconda posizione, condivisa con il sudafricano Tjaart Van Der Walt (67 71) con 138 (-4). Folto il gruppo assestatosi al quarto posto con 139 (-3), formato dallo statunitense Peter Uihlein, dal francese Grégory Bourdy, dall’inglese Graeme Storm, dallo spagnolo Rafa Cabrera-Bello e anche dal capitano dell’Europa alla prossima Ryder Cup, l’irlandese Paul McGinley. Chiudono la top ten provvisoria il francese Alexander Levy e l’inglese John Parry, con 140 (-2).

Poche luci nella giornata azzurra, che ha visto il solo Alessandro Tadini superare il taglio. Sorprendente il piemontese, 20° con 142 (70 72, Par) e con qualche rimpianto per qualche colpo perso di troppo. L’obiettivo, sarà quello di non perdere troppe posizioni, in modo da mantenere vive le speranze nella Race to Dubai.
Eliminato il resto dei partecipanti del Bel Paese; Lorenzo Gagli sfiora solo la rimonta, fermandosi al 74° posto con 147 (76 71, +5) ad un colpo dal taglio. Settimana no, invece, per Francesco Molinari, che non mette a segno birdie (quattro bogey ed un doppio bogey) in un disastroso giro in +6; il torinese chiude così in 95esima posizione con 150 (73 77, +8). 143° Matteo Delpodio, con un altissimo 158 (77 81, +16).

 

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

Top