Golf, verso il PGA Championship: l’Oak Hill Country Club

oa-logo-correlati.png

Per la sesta volta nella storia, l’Oak Hill Country Club di Rochester (Stato di New York) ospita un torneo del Grande Slam. Questo campo, creato nel 1901, ha già ospitato tre edizioni dello U.S. Open (1956, 1958, 1989), mentre torna ad accogliere il PGA Championship a 10 anni dall’ultima edizione (2003, la prima fu nel 1980). Inoltre, l’Oak Hill è stato anche il palcoscenico della Ryder Cup 1995, la prima delle due giocate anche dal nostro Costantino Rocca. Un percorso indubbiamente ricco di fascino e tradizione, che il noto magazine Golf Digest nel 2009 ha classificato al 9° posto tra i 100 migliori campi da golf.

L’East Course, dove si svolgerà il torneo, è un Par 70 di 7.163 yarde estremamente complicato, che non concederà grosse opportunità di birdie e, conseguentemente, di score bassi. Come a Merion e a Muirfield, saranno pochi i punteggi finali sotto il par e, anzi, l’obiettivo principale anche dei big sarà proprio quello di mantenersi intorno ai 70 colpi in ogni round. Tanti gli alberi presenti sul percorso, che provocheranno grossi grattacapi soprattutto nei tee shot, il colpo cardine su cui costruire un buon torneo all’Oak Hill: prendere il maggior numero di fairway potrebbe risultare fondamentale.

 

Hole               Par       Yardage
1                 4          460
2                 4          401
3                 3          214
4                 5          570
5                 4          428
6                 3          175
7                 4          461
8                 4          428
9                 4          452
10                 4          429
11                 3          226
12                 4          372
13                 5          598
14                 4          323
15                 3          181
16                 4          439
17                 4          509
18                 4          497

Foto: Getty Images

daniele.pansardi@olimpiazzurra.com

Tag

Lascia un commento

Top