Giovanni Visconti: una carta importante per Paolo Bettini

oa-logo-correlati.png

Dopo un Giro d’Italia da protagonista e un ottimo Giro di Svizzera Giovanni Visconti ha staccato la spina e ha ricaricato le batterie. Il suo 2013 non è assolutamente finito e la seconda parte di stagione lo attende come un assoluto protagonista.

Facciamo un passo indietro e ricordiamo i due successi, splendidi, al Giro d’Italia. Il primo sul Galibier, anche se non in cima, nella tappa dedicata a Marco Pantani, nato lo stesso giorno del corridore della Movistar. La seconda a Vinceza, probabilmente ancora più bella. Giovanni è partito sull’ultima asperità, staccando subito il resto del gruppo e involandosi in discesa verso il traguardo, senza che i big, da dietro, riuscissero a rientrare. Una tappa di un grande giro come fosse una classica, vinta in solitaria e con pieno merito.

Quello che ci si aspetta ora dal 3oenne è un salto di qualità anche nelle classiche internazionali, nelle quali fino ad ora ha sempre faticato a lasciare il segno. Questo anche perchè al prossimo Mondiale dovrebbe essere una delle punte della nazionale italiana. La dimostrazione di forza del Giro dovrebbe aver convinto il suo ex-compagno di squadra Paolo Bettini, che ben conosce le doti di Visconti. Il percorso di Firenze potrebbe essere adatto all’azzurro, resistente in salita ma anche esplosivo e rapido nelle volate a ranghi ridotti. Spesso e volentieri, però, nell’arco della sua carriera, ha faticato nelle occasioni più importanti.

A 30 anni, e superato un momento difficile come quello passato lo scorso anno, Visconti potrebbe aver sviluppato una nuova maturità psicologica, probabilmente quello che fino alla scorsa stagione non gli permetteva di raggiungere i risultati che ci si poteva attendere da lui. Non siamo ancora all’ultima chiamata, ma ci si attende qualcosa da lui, anche a livello internazionale, anche con la maglia della nazionale. Il Campionato del Mondo, che si correrà, di fatto, vicino a casa sua, potrebbe essere, non per forza con una vittoria, ben inteso, un ottimo punto di partenza per una seconda parte di carriera più concreta e vincente.

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

 

Lascia un commento

scroll to top