Ginnastica, Mondiali: arrivano le prime convocazioni!

Jinnan.jpg

Sono arrivate le prime convocazioni per i Mondiali! La Federazione Cinese ha appena annunciato le quattro ginnaste che partiranno per Anversa.

Jao Jinnan

Shang Chunsong

Zeng Siqi

Huang Huidan

 

Con grande stupore notiamo l’assenza della campionessa olimpica 2012 a trave Deng LinLin e la vice-campionessa Sui Lu. Eccezione fatta di Jao Jinnan, Olimpica e bronzo individuale ai mondiali 2011, gli altri sono volti nuovi in campo iridato. La Cina per questi mondiali ha voluto schierare in campo carne fresca.

 

Jao Jinnan. Dopo un olimpiade deludente a causa di un infortunio che non le ha permesso di essere al 100%, pochi mesi fa è ritornata in campo vincendo il titolo di campionessa nazionale. È ritornata più forte di prima.

Inutile dire che sarà la star del team, nonché anche la capitana visto che è la più vecchia. Tra le quattro è quella che ha più possibilità di salire sul podio individuale. Grazie anche al suo volteggio, attrezzo ostico alla maggior parte delle sue connazionali.

 

La peperina Zeng Siqi si è fatta conoscere alla Word Cup di Doha dove ha vinto l’argento a trave dietro alla rumena Iordache.

Il suo attrezzo di punta è proprio la trave. È una delle migliori candidate a diventare campionessa mondiale a trave. Se la cava anche al corpo libero, dove è una delle poche ginnasti cinesi che non ha una coreografia piatta e dei movimenti da robot.

 

Un’altra candidata per la finale AA è la piccola Shang Chunsong. È alta un metro e un soldo di cacio ma è una vera forza della natura. Per quanto riguarda il concorso individuale sembra avere una marcia in più rispetto alla Siqi. Come il 90% delle sue compaesane va forte a trave e a parallele. L’abbiamo vista nelle ultime tappe di Coppa del Mondo: quarta a Tokyo nel generale, ma priva a trave e seconda a corpo libero. Sebbene non sia stabilissimo al corpo libero, il suo esercizio ha qualcosa di spettacolare. Non è da tutti eseguire un avvitamento e mezzo verso il triplo collegato con un punch front. L’attrezzo che ha fatto parlare molto di lei sono le parallele asimmetriche dove ha eseguito un elemento che non è ancora nel codice, e che molto probabilmente prenderà il suo nome proprio alla rassegna iridata.

 

E ultima ma non ultima la mia pupilla Huang Huidan, la nuova He Kexin. Non è molto competitiva come all-arounder, ma è fenomenale tra gli staggi. Campionessa nazionale in questo attrezzo è una delle favorite per l’oro mondiale. Purtroppo è un po’ instabile. Le succede di cadere spesso, ma quando la tensione non prevale i suoi punteggi sono stratosferici.

Il suo esercizio non è il tipico esercizio cinese. È raro vedere una ginnasta cinese eseguire un Arabian. Se la Yao e la Shang glielo consentiranno potrebbe qualificarsi anche per la finale a trave.

 

Ester Vicentelli

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top