Federico Cecon: ottimi segnali di crescita durante l’estate

oa-logo-correlati.png

Un cognome pesante e il salto con gli sci nel sangue. Federico Cecon, 19 anni da poco più di due mesi, è da qualche stagione una delle più grandi promesse del salto con gli sci italiano, e da un anno a questa parte sembra aver fatto un buon salto di qualità.

Negli ultimi due campionati nazionali è sempre arrivato sul podio nonostante la giovane età, riuscendo a competere ad armi pari anche con gli altri saltatori italiani più esperti. Nella sua categoria non ha avuto difficoltà ad imporsi, ma il rendimento spesso incostante l’ha penalizzato nei grandi appuntamenti. Questo fino all’inizio della stagione estiva, perchè su plastica è uscito solo una volta dalla Top 10 della FIS Cup.

La prima competizione a Villach, in Austria, l’ha visto solo quarantesimo, una brutta prestazione immediatamente riscattata il giorno dopo, sempre sul trampolino austriaco. Cecon in quell’occasione finì settimo, a dimostrazione del fatto che aveva raggiunto un buon livello di competitività. Nella successiva tappa di FIS Cup l’azzurro ha fatto ancora meglio, raccogliendo due quinti posti in quel di Kranj, in Slovenia.

Naturalmente tutto questo non può ancora essere etichettato come un definitivo salto di qualità, anche perchè il livello non è altissimo. In ogni caso, Federico ha dimostrato a più riprese di essersi avvicinato al livello dei migliori saltatori italiani, e la prossima stagione potrebbe essere essenziale al fine di poterlo vedere nelle competizioni internazionali più importanti con la prima squadra.

Dietro la vecchia guardia, composta da Sebastian Colloredo, Andrea Morassi e gli altri saltatori nati negli anni ’80, c’è ancora del materiale su cui lavorare, anche se i numero di praticanti è ancora troppo basso per un paese come l’Italia, il cui territorio è delimitato dall’arco alpino.

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top