Atletica, Howe: “Sono un nuovo Andrew, valgo già otto metri”

oa-logo-correlati.png

Il lungo calvario è terminato: sabato Andrew Howe tornerà a gareggiare nel salto in lungo al Decanation di Valence (Francia).

In un’intervista rilasciata alla “Gazzetta dello Sport”, il 28enne laziale ha dichiarato di essere ormai completamente sano e di non essersi allenato così bene dal 2007: “Mi sono preso un stagione sabbatica per curarmi. Sono ripartito da zero, ora la condizione c’è. Avrei potuto andare a Mosca, ma la partecipazione non mi avrebbe accontentato: non ho 20 anni. Non mi allenavo così bene dal 2007. Ho ritrovato continuità. E senza l’ansia di dover tornare. Sono tornato al passato. La rincorsa si era allungata a 22 passi, ora è di nuovo a 20. Nella prima parte cerco frequenze, nella seconda ampiezze“.

L’azzurro ammette di poter valere sin da ora delle prestazioni importanti: “I dati degli allenamenti erano incoraggianti. Punto agli otto metri, poi la gara è la gara“.

Howe, inoltre, pare aver definitivamente abbandonato i 200 metri: “In accordo con la Federazione, ci ho messo una pietra sopra. Troppo pericolosi. Il problema è che io corro in punta e, soprattutto in curva, sollecitando il tendine, rischierei di rompermi un’altra volta. Al massimo farò qualche 100, ma solo in funzione del lungo“.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

federico.militello@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top