Nuoto: doppiette per Franklin e Lochte. Nuovo fenomeno nella rana

Nuoto-Ryan-Lochte.jpg

Seconda giornata per la sessantaseiesima edizione dei Campionati Statunitensi ad Indianapolis. Ad attrarre l’attenzione di tutti sono stati, come prevedibile Ryan Lochte e Missy Franklin.

Dopo la vittoria sui 100 m stile libero di ieri, la Franklin ha vinto anche i 200 stile libero in 1’55”56, qualificandosi ai Mondiali di Barcellona (28 luglio – 4 agosto) assieme all’altra giovane promessa Katie Ladecky (1’57”63). Grande delusione per Allison Schmitt: la campionessa olimpica, decima delle batterie con un tempo altissimo (1’59”78), non è riuscita a qualificarsi neanche alla finale, e quindi non sarà presente alla competizione iridata.

Poco dopo la vittoria sui 200 m stile libero, Missy Franklin ha replicato sulla stessa distanza, ma questa volta nel dorso. La 18enne, campionessa olimpica della specialità, ha chiuso in 2’05”68, davanti ad Elizabeth Pelton (2’06”29), realizzando la miglior prestazione mondiale stagionale.

Nei 200 rana è stata Breeja Larson (2’23”44) a trovare la qualificazione assieme a Micah Lawrence (2’24”69), mentre nei 50 m rana la vincitrice è stata Chris Magnuson (26”08).

Tra gli uomini, il plurimedagliato Ryan Lochte ha centrato la stessa doppietta della Franklin (200 m stile libero e dorso), dopo il quarto posto di ieri sui 100 m stile libero. Nello stile libero, Lochte ha fermato i cronometri sull’1’45”97, battendo di 28/100 Conor Dwyer. Nel dorso, ha addirittura sconfitto il campione olimpico Tyler Clary, terminando la prova in 1’55”16, con 42/100 di vantaggio.

La sorpresa è arrivata invece dai 200 m rana, dove il giovane Kevin Cordes ha stabilito la miglior prestazione mondiale dell’anno in 2’08”34. Da segnalare che Cordes ha fatto segnare due passaggi da record del mondo nelle prime due vasche. Alle sue spalle ha chiuso BJ Johnson, staccato di oltre un secondo e mezzo.

Nei 50 farfalla, Eugene Godsoe (23”29) ha avuto la meglio su Matt Grevers (23”50): in questa distanza, però, solo un atleta ha la possibilità di qualificarsi, regola che vale per tutte le distanze non olimpiche.

giulio.chinappi@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top