Europei Under 21 | Thiago Alcantara da urlo, Spagna campione: Italia ko 4-2

oa-logo-correlati.png

Troppa Spagna per l’Italia nella finale degli Europei Under 21. La Roja, brillante e cinica come sempre, bissa infatti il titolo del 2011 imponendosi per 4-2 grazie ad una super prestazione di Thiago Alcantara, autore di una tripletta nei primi quaranta minuti del primo tempo.

Devis Mangia conferma l’undici che ha domato l’Olanda, nelle fila iberiche c’è invece Morata, autore di quattro reti in altrettante partite finora. L’avvio è subito da cuori forti, la Spagna attacca a testa bassa e al 6′ è già avanti grazie ad un’incornata di T. Alcantara, dimenticato in mezzo all’area da uno sbadato Caldirola. Ma gli azzurrini reagiscono giocando alla propria maniera, ovvero aspettando gli avversari e colpendo in contropiede, e al 10′ Immobile pareggia con un delizioso pallonetto che beffa De Gea in uscita. La solfa del match, però, non cambia: il possesso palla rimane tra i piedi di Isco e compagni e in due occasioni Bardi è super a salvare il risultato. Al 24′ altra occasione italiana, con Florenzi che controlla bene, si libera del diretto marcatore ma tira addosso all’estremo difensore rivale.

L’errore fatale arriva al 31′: la difesa azzurra concede al centrocampista classe 1991 del Barcellona la possibilità della doppietta personale lasciandolo solo in mezzo all’area di rigore, 2-1 e morale dei Mangia-boys a terra. Anzi, sottoterra, perché sei minuti più tardi Donati atterra Tello (colpendo però prima il pallone) e regala al solito Alcantara il rigore del 3-1, che manda le compagini all’intervallo a giochi pressoché già chiusi.

Nella ripresa non bastano gli ingressi di Saponara e Gabbiadini, perché dopo un avvio incoraggiante (con un tiro alto di Florenzi) al 64′ Isco sigla il 4-1 dal dischetto dopo un fallo commesso da Regini. Il parziale è reso meno amaro all’80’ con un destro dai 25 metri di Borini, un vero e proprio lampo in una partita negativa per il match-winner della semifinale, ma dopo quattro minuti di recupero è la Spagna a festeggiare.

Da Kiev a Gerusalemme, dal 1 luglio 2012 al 18 giugno 2013. Dodici mesi dopo, nazionale maggiore o Under 21 che sia, la storia è la medesima: iberici troppo forti, azzurri ko.

 

francesco.caligaris@olimpiazzurra.com

Twitter: @FCaligaris

Foto da: repubblica.it

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top