Baseball: tutta la magia della Coppa Europa a tinte azzurre

oa-logo-correlati.png

Si dice che quando qualcosa sia finita da poco e già ti manchi vuol dire che è stata una bellissima esperienza e credo che per gli appassionati di baseball si possa dire questo rivolgendo il pensiero alla Coppa Europa.

Anche se non è si è conclusa in assoluto, dal momento che bisogna ancora disputare la finalissima ad agosto, i round eliminatori sono volti al termine e prima di eleggere le squadre vincitrici dei rispettivi gironi si sono vissute davvero grandi emozioni.

Nel girone A, quello disputatosi a Barcellona, presso l’impianto del Montjuic, la parola cardiopalma è stata utilizzata circa un centinaio di volte dai supporters del Rimini Baseball che prima di vincere il girone, ed avere la meglio sulle altre formazioni, hanno dovuto sudare le proverbiali sette camicie.
E’ stata la grande unione di gruppo l’arma in più dei “pirati”, i quali anche nei momenti peggiori, come nella sconfitta patita per mano dei cechi del Draci Brno, non hanno mai perso la compattezza e, affidatisi alle giocate di Alex Romero, Adolfo Gomez, eletto MVP del girone,  e ai lanci di Enorbel Marquez, alla fine hanno portato a casa il girone piegando le resistenze degli olandesi del Corendon Kinheim, in una finale paradossalmente “tranquilla”.

Nel girone B, invece, è stata di tutt’altro tenore la vittoria della Fortitudo Bologna. Gli emiliani hanno da subito imposto agli avversari del raggruppamento, svoltosi in terra tedesca e più precisamente a Regensburg, nell’impianto intitolato a Armin Wolf, un gioco di alto livello che ha testimoniato la classe e la qualità dei campioni in carica. Cinque partite e cinque vittorie, con un line-up favoloso e quasi mai in affanno, con i “muscoli del capitano” Claudio Liverziani come simbolo, assieme ad Alessandro Vaglio, Chris Aguila e Nick Nosti.
Eppure, quando tutto sembrava perfetto, anche per i bianco-blu è sorto un momento di paura, forse proprio quando non sarebbe dovuto arrivare, ovvero nella finale contro San Marino. I ragazzi di Marco Nanni, in ogni caso si sa, son duri a morire e dopo aver ritrovato la strada maestra hanno risolto il match agli extrainning aggiudicandosi meritatamente la pool.

Adesso però, è già tempo di dimenticare perchè da giovedì prossimo incomberà il campionato italiano, con il girone di ritorno, e siamo certi che anche questa sarà una splendida avventura da raccontare.

michele.cassano@olimpiazzurra.com

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top