Rugby, Sei Nazioni: Italia battuta di forza dal Galles

E’ un’Italia grigia quella vista all’Olimpico. Grige sono le condizioni metereologiche che rendono ancora più importante il compito che gli Azzurri si erano prefissati. Serviva una lotta senza esclusione di colpi soprattutto degli avanti. Lo si è visto solo in parte e troppo, troppo poco nel complesso della partita. Non può bastare per battere la squadra che l’anno scorso ha dominato il torneo.

L’inizio non è male, l’Italia sembra nettamente più aggressiva nei punti d’incontro che nella partita contro la Scozia. Al settimo minuto prima occasione per il Galles che concretizza centrando i pali. Italia che risponde pochi minuti dopo con una punizione realizzata da Burton. Già da subito si inizia a capire quello che sarà il problema chiave l’Italia nei primi minuti non riesce a prendere le misure al pacchetto gallese che mette una pressione fortissima fino a causare una punizione che trasformata da Halfpenny porta il galles in vantaggio. La superiorità in mischia chiusa sembra francamente imbarazzante e ci costa altri tre punti.

Gli avanti cercano di compensare la difficoltà del pacchetto col lavoro nei punti d’incontro. Ma la battaglia è ancora in mischia ordinata e al ventottesimo l’arbitro penalizza i dragoni per ingaggio ritardato. L’Italia però è confusionaria nella sua metà campo e due errori di Gori concedo un occasione a Halfpenny che questa volta sbaglia. La prima metà dell’incontro termina con le due squadre che si palleggiano il pallone col gioco al piede.

Gi azzurri sembrano partire col piede giusto nella ripresa installandosi nella metà campo avversario ma un enorme pasticcio difensivo al quaranquattresimo tra Gori e Burton permette a Davies di approfittare e marca la meta.

Italia che non si fa prendere dalla frenesia e dopo aver conquistato un calcio per un fallo in rimessa laterale sceglie di andare per i pali e Burton calcia in maniera perfetta. Un’altra infrazione sempre in mischia concede altri tre punti ai gallesi.

Il momento chiave arriva a metà del secondo tempo quando l’ennesima mischia persa costa un cartellino giallo a Castrogiovanni che si stappa. La botta psicologica è di quelle importanti e il galles va a marcare alla bandierina. La difficoltà per gli azzurri a battere la linea nella metà campo gallese è evidente.

Il match di Roma è l’ennesima conferma che le partite, soprattutto con una pioggia come quella di oggi si vincono davanti, oggi per mille ragioni l’Italia è stata dominata lì dove per anni si cementavano le sicurezze e le speranze del rugby italiano. Ci sarà da riflettere.

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio femminile, serie A: prima sconfitta stagionale per la Torres. Si riapre la lotta scudetto

Pallanuoto, A1: alla Carisa Savona il big match con la Florentia