Rugby, Italia-Galles: le pagelle

Masi 5.5:  Chiamato a complicate ricezioni di un ovale saponetta non fa clamorosi errori. Attacca come sempre con grande energia ma va a sbattere contro un muro. E’ un po’ monocorde nelle scelte di gioco e commette alcuni errori di handling.

Venditti 6: In una partita giocata tutta in trincea ha pochi palloni da giocare. Si limita ad aspettare l’ovale che non arriva e si evidenzia in qualche buon placcaggio.

Benvenuti 5: Spiace dirlo ma un’altra prestazione sotto la sufficenza per il centro della Benetton, sia le linee di corsa non sono quelle della stagione scorsa sia alcune trasmissioni dell’ovale mettono in luce scarsa concentrazione.

Canale 6: In difficoltà come tutta la squadra in fase offensiva. Mezzo voto in più per il pregevolissimo gesto tecnico della francesina con cui nel primo tempo ferma un gallese lanciato verso la meta.

Mc Lean 5.5: Estremo aggiunto nel triangolo allargato non sempre preciso al piede.

Burton 5: Partita difficilissima la sua tra un pacchetto arretrante e un Gori un po’ troppo frenetico non ha palloni semplici. Discreto comunque nel gioco al piede e coraggioso in alcuni tentativi di attacco della linea. La prestazione è macchiata dall’errore di intesa con Gori nella presa al volo del pallone che causa la prima meta.

Gori 5: Tanta voglia di fare bene che lo porta ad alcune buone scelte difensive in pressione sul diretto avversario ma anche a tanti errori di precisione sia nei passaggi ma soprattutto nel gioco al piede dalla base.

Vosawai 5: A lui non si chiede una complessità di gioco alla Parisse ma deve fare il ball carrier con estrema efficacia, la pressione su di lui è massima e Manoa non riesce a fare il suo compito più per meriti avversari che demeriti suoi. Vistosi ingabbiato cerca altre strade e inizia a correre di lato limitando ancor più l’incisività.

Favaro 6: Ottimo in pressione e cattivo al punto giusto nei punti d’incontro. In attacco soffre come tutto il resto della squadra l’ottima organizzazione gallese.

Zanni  6: Vale più o meno quanto detto per Favaro.

Minto 5.5: Lotta come sempre ma si fa prendere dalla foga in più di un’occasione e spesso è affrettato nella trasmissione dell’ovale. Importante punto di riferimento in rimessa laterale. La debacle in mischia chiusa inoltre non può essere esclusiva responsabilità dei primi tre uomini.

Pavanello 5: Buon regista in touche ma poco altro.

Castrogiovanni 4: Le responsabilità in mischia sono sicuramente da suddividere coi compagni ma i primi problemi nascono proprio dal suo lato fin da subito. L’ammonizione ne è la conseguenza ed è molto grave. Cerca di lottare energicamente nei breakdown ma non basta. La grave insufficienza è anche dovuta al suo ruolo di capitano e francamente le parole di fine partita sull’arbitro sono un aggravante ad una giornata decisamente no.

Ghiraldini 5 Anche per il tallonatore trevigiano valgono le considerazioni fatte per la mischia chiusa, troppa fatica e difficile lettura dei tempi delle chiamate arbitrali.

Lo Cicero 4.5 Anche per il Barone una giornata da dimenticare, in più di un’occasione è il suo lato a cedere e si fa spesso cogliere impreparato all’ingaggio.

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Pallanuoto, A1 femmnile: il Rapallo allunga aspettando Catania

Hockey su ghiaccio: Bolzano accorcia le distanze