Pallanuoto, A1 femminile: tutto invariato in vetta

Il girone di ritorno del campionato di Serie A1 di pallanuoto femminile si è aperto proprio come si era concluso quello di andata. Rapallo Pallanuoto e Geymonat Orizzonte Catania, infatti, continuano a vincere, tenendo la testa della classifica. 

Le liguri si sono imposte nettamente in casa della Roma Pallanuoto, arresasi per 13-4 e ormai sempre più nelle ultime posizioni della classifica. Ha dovuto faticare  maggiormente il Catania contro la RN Bologna. Il punteggio finale è stato di 11-7 per le padrone di casa, che ringraziano i tre gol di Tania Di Mario e di Arianna Garibotti. Ha vinto anche l’NGM Firenze di coach Solfanelli, sempre più solitaria al terzo posto, anche se staccata di 5 lunghezze dal tandem di testa. A farne le spese la Waterpolo Despar Messina, sconfitta per 9-7. È quarta in classifica la Mediterranea Imperia, che, dopo la sconfitta odierna contro la RN Bogliasco per 9-6, deve difendere i due punti di vantaggio sulla Despar Messina. La Plebiscito Padova ha vinto contro l’Igm Ortigia, salendo a quota 13 punti.

Questi i risultati:

Geymonat Orizzonte Catania-RN Bologna 11-7
Igm Ortigia-Plebiscito Padova 6-15
Mediterranea Imperia-RN Bogliasco 6-9
Roma Pallanuoto-Rapallo Pallanuoto 4-13
Waterpolo Despar Messina-NGM Firenze 7-9

E la classifica: 

1. Rapallo Nuoto e Geymonat Orizzonte Catania 27
3. NGM Firenze Waterpolo 22
4. Mediterranea Imperia 17
5. Despar Messina 15
6. Plebiscito Padova 13
7. RN Bologna 10
8. RN Bogliasco 9
9. Roma Pallanuoto 6
10. Igm Ortigia 0

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

Foto: sanremonews.it

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dagli oriundi ai “nuovi italiani”: come cambia lo sport azzurro

Grande Cuneo: Macerata ko, è Final Four di Champions