Tennis: giovani azzurre in fuga, la storia di Nastassja Burnett

Errani, Vinci, Schiavone, Pennetta un quartetto che difficilmente riusciremo a scordare per ciò che hanno saputo vincere e per i risultati raggiunti negli ultimi anni. La domanda che in molti si pongono è se dietro a queste quattro formidabili tenniste stiano crescendo delle giovani che possano prenderne l’eredità nelle stagioni future. Va detto, per precisione, che Sarita è classe 1987 e quindi ha ancora tantissimi anni di carriera davanti.

La giovane più promettente è senza dubbio Camila Giorgi, di lei si è detto molto e parlato abbastanza (anche Olimpiazzurra in questo  articolo) e il prossimo anno deve essere quello della definitiva consacrazione e nel quale l’italo-argentina possa davvero raggiungere quella maturità tennistica, che serve per scalare la classifica e cominciare ad essere tra le giocatrici più forti del mondo.

In un speciale ranking tutto italiano troviamo subito dietro Nastassja Burnett. La ventenne romana è la numero 155 del ranking mondiale e quest’anno ha raggiunto per la prima volta in carriera il primo turno di uno Slam, sconfitta a New York dalla russa Vera Dushevina.

Quello che colpisce della giovane azzurra è la sua storia fuori dal campo da tennis, perchè c’è il rischio che il sogno di diventare una tennista professionista possa davvero terminare da un momento all’altro.
A lanciare l’allarme è stata la stessa mamma della giocatrice, che dopo l’eliminazione della figlia agli Us Open, ha dichiarato che Nastassja è obbligata ad entrare tra le prime 100 del mondo entro un anno, perchè altrimenti la famiglia non potrebbe più aiutarla dal punto di vista finanziario e quindi sarebbe costretta al ritiro.
La Federazione dà solo un piccolo contributo e questo non può bastare e, proprio per coltivare il suo sogno, Asia (come viene chiamata) ha deciso di fare un ultimo tentativo: ha lasciato Roma e il suo coach Vincenzo Santopadre, per intraprendere una nuova avventura, che l’ha portata tra il Belgio e la Germania per vivere un’esperienza che potrebbe aiutarla a decollare definitivamente.

Una storia che deve far riflettere molto la nostra federazione, che deve cominciare a porsi delle domande sul perchè molte ragazze (ricordo che lo hanno fatto anche Pennetta ed Errani) si trasferiscano all’estero per diventare qualcuno e provare a diventare una tennista di alto livello. Sarebbe assurdo rivivere un altro caso Oprandi ( ora gioca per la Svizzera) anche con la Burnett, per poi rimpiangere in futuro di non aver creduto e puntato su di lei.

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

foto tratta da officinadeltennis.it

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
5 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Tennis: Quinzi e Baldi in campo stanotte all’Orange Bowl

Quinzi e Baldi ai quarti dell’Orange Bowl