Simone Bolelli: da nuovo Federer ad eterna promessa, un 2013 per tornare grande

Era la stagione 2008-2009 e l’Italia del tennis sembrava, secondo molti addetti ai lavori, aver trovato il nuovo Roger Federer. Quel giocatore capace di riportare in alto la racchetta azzurra e di inserirsi velocemente tra i più forti del mondo. Il ragazzo preso in considerazione è Simone Bolelli, uno dei maggiori talenti usciti dalla scuola italiana e che per mille motivi non è mai riuscito a sfondare definitivamente. Dal bolognese ci si aspettavano grandi cose, ma raggiunto l’apice in classifica (n° 36 del ranking Atp) è iniziata una lunga e inesorabile ascesa verso il basso.

Dall’addio con il suo storico coach Claudio Pistolesi, sono iniziate una serie di collaborazioni con tanti altri allentori, il più famoso sicuramente Riccardo Piatti (ex tecnico di Ivan Ljubicic), ma nessuno di loro è riuscito nell’impresa di riportare al vertice Simone, sostenendo che il maggior problema dell’azzurro fosse proprio nella testa e nella continuità di rendimento.
Dal punto di vista tecnico non ci sono mai stati dubbi sulla forza del tennista: il binomio servizio-dritto è uno dei migliori  e se ci dovessimo basare solamente sulle qualità tecniche del giocatore, potremmo tranquillamente parlare di uno dei primi quindici del mondo (considerando anche l’ottimo rovescio ad una mano). Altra grande qualità è quella di adattare il suo gioco a qualsiasi tipo di di superificie, come dimostrano i buoni risultati ottenuti in passato sia al Roland Garros che a Wimbledon.

Chi non ha mai smesso di credere in Bolelli è stato il ct di Coppa Davis, Corrado Barazzutti, che lo ha sempre convocato, mandandolo in campo anche nel decisivo spareggio contro il Cile dello scorso anno a Santiago. Proprio questa continua fiducia potrebbe essere stata la molla del rilancio sportivo del romagnolo, che quest’anno è riuscito a ritornare tra i primi 100 del mondo (ora è numero 84), posizione che permetterà all’azzurro di entrare direttamente nel tabellone principale dei tornei dello Slam, evitando lo scoglio delle qualificazioni. Una risalita partita dal circuito Challenger, con due vittorie nei tornei di Florianopolis e Recanati e con la finale persa a San Marino.

Nel tennis molte volte si è detto che noi italiani maturiamo tardi e forse a 27 anni Bolelli ha davvero l’ultima grande occasione della sua carriera, per tornare ad essere quel giocatore capace di raggiungere anche una finale di un torneo ATP (Monaco, persa contro Gonzalez in tre set).
Il 2013 sarà l’anno verità, per capire se l’Italia dopo alcune stagioni ha ritrovato il suo “Federer”.

andrea.ziglio@olimpiazzurra.com

foto tratta da simonebolelli.com

 

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
simone boleli

ultimo aggiornamento: 12-12-2012


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tennistavolo: Mondiali Juniores, l’Italia chiude 13esima

Tennistavolo, Mondiali Juniores: i risultati del doppio misto, dentro solo Mutti