Pallanuoto, l’Italia cade in Ungheria per 6-5

oa-logo-correlati.png

Prima sconfitta per l’Italia nella World League 2012/2013 di pallanuoto. Gli azzurri sono stati superati a Szekesfehervar, cittadina situata ad una sessantina di chilometri da Budapest, dai padroni di casa dell’Ungheria, che dunque si sono presi una piccola rivincita nei confronti di una selezione tricolore che ne aveva stoppato il cammino ai quarti di finale delle Olimpiadi di Londra.

Non una buona partita per il Settebello. I ragazzi del ct Campagna, andati in vantaggio per 2-0 nelle prime battute, hanno sempre inseguito i rivali magiari nel punteggio, pur rimanendo sempre in scia. Decisiva la scarsa realizzazione dell’Italia in fase di superiorità numerica con un eloquente 3 su 16 (6 su 13, invece, per l’Ungheria). La nazionale del Bel Paese ha pagato la scarsa amalgama dovuta ai diversi giovani innesti giustamente voluti dal commissario tecnico, alcuni dei quali hanno pagato dazio all’inesperienza in talune situazioni.
Le reti italiane portano la firma di Valentino Gallo (3), Fabio Baraldi e Valerio Rizzo, con quest’ultimo convocato d’urgenza dopo il forfait per infortunio di Pietro Figlioli. Proprio Gallo, peraltro il migliore in vasca, ha avuto l’occasione di pareggiare il match a pochi secondi dal termine, tuttavia il suo potente sinistro si è abbattuto contro il palo.

La qualificazione per la Final Eight resta apertissima: decisiva sarà la sfida di ritorno che l’Italia dovrà a questo punto assolutamente vincere.

 

federico.militello@olimpiazzurra.com

 

Lascia un commento

scroll to top