Bob, la rinascita di Bertazzo: è quinto a Park City

oa-logo-correlati.png

L’Italia torna ad alti livelli nel bob e lo fa grazie al suo campione Simone Bertazzo, rientrato finalmente tra i primi cinque della classifica, una posizione che si addice ad un talento cristallino e mai in discussione.

A Park City, nella seconda prova di Coppa del Mondo, il 30enne di Pieve di Cadore si è reso artefice di una rimonta entusiasmante, risalendo dalla 12ma alla quinta piazza, suo miglior risultato da quasi due anni a questa parte nel bob a 2 (fu sesto a Koenigssee nel febbraio 2011). Da segnalare che l’azzurro, coadiuvato dall’ottimo frenatore Francesco Costa, si è reso artefice finalmente di un tempo di spinta in linea con quelli della concorrenza, fattore che ha fatto la differenza in positivo sul risultato finale.

Il podio finale ha ricalcato perfettamente quello della scorsa settimana a Lake Placid, con l’americano Steven Holcomb che ha preceduto il connazionale Cory Butner di 0.03 ed il tedesco Francesco Friedrich di 0.10. Quarto il lettone Oskars Melbardis, che si trovava al comando dopo la prima manche: il baltico, pur portentoso in partenza, ha commesso qualche errore di troppo nella discesa conclusiva, accumulando un distacco di 0.15 dalla vetta. Bertazzo, invece, si è fermato a soli 2 decimi dal vincitore, ad uno dal podio. Il risultato dell’azzurro, ora settimo nella generale con 312 punti, vale doppio per l’Italia, perché consente al Bel Paese di accumulare punti importanti in vista della stagione 2013/2014, nella quale l’obiettivo sarà quello di schierare un secondo pilota al via (eventualmente il giovanissimo Patrick Baumgartner). In ogni caso, il bob tricolore è tornato ad altissimi livelli e questo quinto posto non potrà che sbloccare Bertazzo dal punto di vista psicologico.

La graduatoria complessiva rispecchia fedelmente il podio odierno, con Holcomb (450) che guida davanti a Butner (420) e Friedrich (400).

Domani si disputeranno il bob a 2 femminile e quello a 4 maschile.

 

federico.militello@olimpiazzurra.com

Lascia un commento

scroll to top