Us Open 2012: ciclone Serena, Errani travolta

oa-logo-correlati.png

Ingiocabile. Quando Serena Williams decide di dedicarsi esclusivamente al tennis, si allena senza distrazioni e si presenta al 100% ad un grande appuntamento, per le altre avversarie scende la notte. E’ avvenuto anche per la nostra Sara Errani, sconfitta per 6-1 6-2 nella semifinale dello US Open.

Nulla ha potuto la tenace romagnola contro lo strapotere fisico della fuoriclasse americana: troppo il divario il tutti i fondamentali, con Serena devastante al servizio (8 aces e 91% di punti con la prima) e addirittura terrificante sulle seconde di Sarita (40% per lei). La rappresentante del Bel Paese non ha avuto neppure una palla break, fattore che, insieme al numero complessivo di colpi vincenti (37 a 6!), la dice lunga sui reali valori in campo.

La quasi 31enne statunitense affronterà in finale la bielorussa Viktoria Azarenka, n.1 al mondo ma inevitabilmente sfavorita nel match che assegna l’ultimo Major stagionale.

La sonora batosta odierna, invece, non ridimensiona la superba avventura d’Oltreoceano della Errani, entrata nella storia del tennis italiano come la prima giocatrice a raggiungere due semifinali dello Slam nello stesso anno e salita sino al n.7 della classifica WTA. L’impressione è che se l’azzurra in futuro vorrà ambire ad un titolo di prestigio, dovrà puntare il mirino sul Roland Garros, nel quale la terra rossa rende meno determinante l’incisività del servizio. A 25 anni, inoltre, il tempo è tutto dalla parte dell’italiana, la cui scalata al vertice mondiale potrebbe non essere finita qui.

 

federico.militello@olimpiazzurra.com

Foto: direttanews.com

 

Lascia un commento

scroll to top