“In viaggio verso Rio 2016”: Dalma Caneva, la speranza della lotta

oa-logo-correlati.png

Cari amici, prende il via oggi su Olimpiazzurra una nuova rubrica, “In viaggio verso Rio 2016”, che tratterà dei più grandi talenti dello sport italiano Under21 e le loro possibilità di raggiungere risultati importanti negli anni a venire. Insomma, il ricambio generazionale del Bel Paese, in ottica Olimpiadi del 2016 e 2020. Partiremo dalla lottatrice Dalma Caneva. Buona lettura!

Dalma Caneva, specialità lotta femminile. Nata a Genova il 6 maggio 1994, appartiene a una famiglia di lottatori: il padre Lucio è consigliere nazionale FIJLKAM, la madre Edit Dosza arbitro internazionale ed il fratello Aron, come lei, atleta. Si auto-descrive come una ragazza semplice, obiettiva e grintosa, che pensa molto al suo futuro. Come tutte le sue coetanee, le piace stare con amici e divertirsi e va matta per la musica. Nel 2011 si laurea campionessa europea a Varsavia nella categoria Cadetti (kg -72). In Ungheria, ai Mondiali, centra il quinto posto e, nel 2012 a Helsinki, partecipa alle qualificazioni olimpiche per Londra, dove si arrende soltanto alla ungherese Kitti Godo.

Assieme ad Assunta Persico (48 Kg, medaglia di bronzo ai mondiali juniores 2011), la ligure è sicuramente la più grande speranza del futuro in questa disciplina. Passata questa stagione alla categoria juniores, la 18enne ha già assaggiato, come detto sopra, cosa vuol dire combattere con atlete seniores, dunque fisicamente più mature di lei. Come ella stessa ammette, le manca ancora un po’ di forza fisica nelle gambe e braccia, ma anche questa arriverà. In questo senso, sarà importantissimo l’apporto del bravo allenatore cubano Juan Carlos Rodriguez, in odore di diventare C.T. della nazionale maggiore. La tecnica che curerà di più in questi mesi a venire, assieme al suo allenatore, saranno gli attacchi con entrata alle gambe che nella sua categoria di peso (-72 Kg) non viene molto usata. Dunque, potrebbe rappresentare l`arma in più della genovese.

A nostro modo di vedere, Dalma può davvero emulare le gesta passate di Francine de Paola o Sabrina Esposito, ma addirittura arrivare più lontano di queste ultime: diventare la prima donna azzurra medagliata a Cinque Cerchi della storia. Cari amici, alla prossima puntata!

Maurizio Contino

maurizio.contino@olimpiazzurra.com

 

Lascia un commento

Top