Giro di Lombardia, le pagelle: Rodriguez è straordinario!

oa-logo-correlati.png

Lo spagnolo Joaquim Rodriguez si è aggiudicato “Il Lombardia” 2012, davanti al connazionale Samuel Sanchez e al colombiano Rigoberto Uran Uran. Olimpiazzurra vi propone le pagelle dei protagonisti della corsa di ieri.

RODRIGUEZ Joaquim, 10: stagione da incorniciare. Ha vinto tanto e con continuità nell’arco dell’anno. Primo alla Freccia Vallone, secondo al Giro d’Italia, terzo alla Vuelta a España, primo al Giro di Lombardia. Solo questi numeri non bastano a descrivere l’ottima annata dell’iberico, che ha conquistato la prima Classica Monumento della sua carriera. E’ il primo spagnolo ad imporsi al Lombardia.

SANCHEZ Samuel, 7.5: non sembrava in gran condizione, ma è comunque riuscito a conquistare la seconda posizione. Non è coi primi dopo il Muro di Sormano, ma rientra e, anche grazie all’esperienza, conquista un’eccellente piazza d’onore.

URAN Rigoberto, 7: questo finale di stagione sembra proiettarlo quasi in un’altra dimensione. Non è limitato ai soli grandi giri, ma può lottare anche per le classiche. Dopo l’argento olimpico, si è comportato bene anche in occasione del Gran Piemonte, vinto in solitaria.

SANTAMBROGIO Mauro, 7: trova il miglior piazzamento stagionale nell’occasione probabilmente più importante. Partito senza i gradi di capitano, le cadute di Gilbert e Ballan gli consegnano la responsabilità di un risultato: il quasi 28enne azzurro manca il podio per poco, ma la sua prova non può che essere considerata positiva.

ZAUGG Oliver, 6: praticamente invisibile per tutta la stagione, ritrova un buon colpo di pedale per Il Lombardia, che aveva vinto lo scorso anno. Date le premesse, un ottavo posto non è assolutamente da buttare.

CONTADOR Alberto, 5.5: dopo la vittoria alla Milano-Torino sembrava il favorito numero uno, ma non ha mantenuto le attese. Non sembrava stare bene già sul Sormano e quando Rodriguez attacca non riesce a seguirlo. Aveva una buona possibilità di conquistare una Classica Monumento, ma l’appuntamento è quantomeno rimandato.

NIBALI Vincenzo, 5: sul Sormano sembrava tra quelli che pedalavano con maggiore facilità. Dopo la caduta di Gilbert, le suo quotazioni sono salite, ma una scivolata l’ha messo fuori gioco. Per la seconda volta in tre anni il suo Lombardia è finito sull’asfalto. Da uno dei migliori discesisti del gruppo, ci si aspetterebbe altro.

gianluca.santo@olimpiazzurra.com

foto: bicibg.it

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top