Cara Italia, “Super Cavagnini non basta per battere il Giappone”

oa-logo-correlati.png

Si conclude nel peggiore dei modi l’avventura paralimpica della nazionale di basket in carrozzina: sconfitta 60-64 con il Giappone e decimo posto. Risultato molto deludente per una squadra che negli ultimi 10 anni è stata campione d’Europa 3 volte e ha ottenuto nel 2010 uno storico quarto posto ai campionati mondiali di Birmingham. La partita di oggi ha rispecchiato l’andamento del torneo: sempre ad inseguire, con il Giappone che ha toccato il massimo vantaggio sul +11, fino ad arrivare a 20 secondi dalla fine a -2 con la palla in mano. Il tiro del pareggio è capitato nelle mani di Matteo Cavagnini, il nostro capitano, ma si è spento sul ferro. Il nostro numero 12 è comunque risultato il migliore in campo, con 25 punti a referto.
Si chiude così la mia prima esperienza con la nazionale maggiore. C’è il rammarico di non essere riusciti ad arrivare dove avremmo voluto, pur consapevoli di aver dato il massimo e di aver messo in campo tutta la nostra forza. Ora pensiamo solo al rientro ed al riposo che ci aspetta dopo un anno di sacrifici e sudore sul campo. Riposo che non durerà molto, in quanto tra un paio di settimane riprenderanno gli allenamenti con i club in vista dell’inizio del campionato italiano di serie A1, che vedrà coinvolta la maggior parte dei miei compagni di nazionale
A domani per i risultati delle semifinali e per le ultime emozioni da Londra!
STAY TUNED!

Jacopo Geninazzi

Lascia un commento

scroll to top