F1, Test Barcellona 2017: Ferrari, il silenzio dei vincenti. La “spending review della parola” guida la Rossa verso Melbourne

Vettel-6-Ferrari-FotoCattagni.jpg

E’ sempre così: quando parlano i numeri ed il cronometro c’è sempre un motivo per sorridere. E’ un po’ questa la nuova filosofia 2017 della Scuderia Ferrari, uscita trionfante dai test tenutesi a Barcellona, prima dell’esordio iridato del 26 marzo in Australia.

La pista ha parlato chiaramente: la SF70H c’è! Al di là dei giochini degli avversari, tra carichi di benzina non specificati e gomme usate con parsimonia ed attenzione, la nuova nata di Maranello ha stupito tutti: 4.5 secondi più veloce della sua miglior prestazione in qualifica nel GP Spagna 2016, siglando un fantasmagorico record della pista da lasciare tutti senza fiato.

Ebbene sì, è il silenzio dei vincenti quello che sta accompagnando i primi passi della nuova Rossa. Niente annunci di “Mussoliniana memoria”, né propositi bellicosi ma esclusivamente lavoro e tanto lavoro. E’ questo il termine ricorrente nella spending review dell’eloquio adottata dal Cavallino Rampante. Parole dosate con il contagocce, senza illudere nessuno. Una velocità che ha portato anche i rivali più qualificati della Mercedes ad esprimere considerazioni di elogio e preoccupazione nei confronti della creatura in rosso. Farà anche questo parte di una pre-tattica?

Sicuramente la macchina piace ai piloti, si divertono a guidarla e sanno in che direzione va sviluppata. La vettura, infatti, lungo i curvoni veloci del Montmelò, è sembrata essere sui binari e la tanto agognata trazione sull’anteriore sembra finalmente essere stata trovata. E’ giusto parlare di sensazioni però, da quanto si è riuscito a capire dalla pista, le conclusioni sono queste.

All’Albert Park sapremo la verità, o parte di essa, perché parlando di un tracciato cittadino “particolare” i riscontri non sempre sono dei più affidabili.

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

Lascia un commento

Top