Sci alpino, gigante femminile Killington 2016: primo podio in carriera per Sofia Goggia, Tessa Worley torna al successo

Goggia-Trovati-Pentaphoto.jpg

Prima gara a Killington nella storia della Coppa del Mondo di sci alpino e primo podio in carriera per Sofia Goggia: quattordicesima dopo la prima manche, la ventiquattrenne bergamasca è tornata in grande spolvero in occasione della seconda manche, recuperando fino al terzo posto grazie al miglior tempo parziale (58″93). Un risultato che la ripaga della sfortuna che ha avuto nelle ultime stagioni, condizionate da molti infortuni, e che conferma la sua ascesa in questa disciplina dopo il quinto posto di Sölden.

Una prima, per certi versi, anche quella della francese Tessa Worley, che non era più salita sul podio dopo il grave infortunio subito a Courchevel nel dicembre 2013, a due mesi dalle Olimpiadi di Sochi: la ventisettenne, già campionessa mondiale della disciplina nel febbraio dello stesso anno, ha ottenuto sulle nevi del Vermont la sua nona vittoria in Coppa del Mondo, dopo essere stata già brillante seconda nella prima manche. Worley ha chiuso con un crono di 1’59″26, unica a scendere sotto il muro dei due minuti, ed il suo successo assume un valore doppio visto che il suo digiuno corrispondeva anche a quello delle vittorie francesi nel circuito femminile.

Al comando dopo la prima metà di gara, favorita anche dal pettorale numero uno, la norvegese Nina Løseth si è difesa a sufficienza per conservare la seconda piazza, ad otto decimi netti dalla vincitrice Worley e davanti ad una Goggia che ha chiuso con 1″11 di ritardo. L’ottima prestazione della squadra azzurra è confermata dalla presenza di altre quattro atlete nella top ten: Marta Bassino è quarta, a soli due centesimi da Goggia, Francesca Marsaglia settima (+1″74), Federica Brignone, terza dopo la prima manche, ottava (+1″74), Irene Curtoni nona (+1″92).

Per quanto riguarda la corsa alla sfera di cristallo, dopo l’uscita di scena della svizzera Lara Gut nella prima manche, la padrona di casa statunitense Mikaela Shiffrin ne ha approfittato ottenendo un prezioso quinto posto ad 1″24 da Worley. Nella top ten troviamo anche la slovena Ana Drev, sesta ad 1″40, e l’altra francese Adeline Baud-Mugnier, decima a 2″15 dalla connazionale.

Altre tre italiane hanno preso parte alla seconda manche: Elena Curtoni si è classificata sedicesima (+2″85), Manuela Mölgg ventesima (+3″28), Nadia Fanchini ventitreesima (+3″81).

giulio.chinappi@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: Trovati – Pentaphoto

Lascia un commento

Top