Nba 2016-2017, i risultati di mercoledì 9 novembre: gli Spurs si inchinano ad uno strepitoso Harden, bene Warriors e Raptors

basket-james-harden-houston-rockets-fb-harden.jpg

Nella notte italiana tra il 9 e il 10 novembre si sono disputate undici partite valide per la regular season NBA 2016-2017, con alcuni risultati inattesi che non erano facilmente pronosticabili alla vigilia. Probabilmente l’effetto Trump ha influito anche sulla lega più famosa del mondo, sull’onda lunga di quanto accaduto ieri per un paese che ha eletto il suo nuovo presidente.

Terza disfatta in questo avvio di stagione per i San Antonio Spurs (5-3), sconfitti in casa dagli Houston Rockets al fotofinish per 101-99, complice soprattutto una prestazione mostruosa di James Harden sempre più a suo agio nel ruolo di playmaker che Mike D’Antoni ha ritagliato per lui. Il Barba ha siglato infatti una pregevole tripla doppia da 24 punti, 12 rimbalzi e 15 assist, a cui ha aggiunto anche un plus/minus non indifferente di +13. Agli Speroni non sono bastati invece i 34 punti messi a segno da Kawhi Leonard, unico giocatore del quintetto titolare ad andare in doppia cifra insieme a LaMarcus Aldridge (14 p.). Comodo successo tra le mura amiche dell’Oracle Arena per i Golden State Warriors (6-2) contro i Dallas Mavericks (2-6), con quest’ultimi protagonisti di una fase inaugurale di regular season molto sottotono e arresisi nettamente per 116-95. Tra gli uomini allenati da Steve Kerr, dirompente performance del trio Durant-Curry-Thompson autori di 72 punti complessivi, mentre ai Mavs non sono stati sufficienti i 25 punti del grande ex Harrison Barnes.

Nelle altre partite della notte, spicca il successo in trasferta dei Toronto Raptors (5-2) sugli Oklahoma City Thunder (6-2) propiziato dai 37 punti di uno scatenato DeMar DeRozan, nulla da fare invece per i Chicago Bulls (4-4) incapaci di trovare la giusta continuità e sconfitti dagli Atlanta Hawks (6-2) per 115-107, proprio alla vigilia dell’atteso ritorno di Dwyane Wade a Miami. Trionfo più sofferto del previsto quello ottenuto all’overtime dagli Indiana Pacers (4-4) ai danni dei Philadelphia 76ers (0-7), a testimonianza del fatto che Paul George e compagni devono ancora acquisire quella giusta alchimia che gli permetterebbe di rendere efficiente l’immenso arsenale offensivo a propria disposizione. I Charlotte Hornets proseguono il loro grande avvio di stagione agganciando i Cleveland Cavaliers in testa alla Eastern Conference (6-1) grazie alla vittoria per 104-98 sugli Utah Jazz. Ottimo impatto di Marco Belinelli dalla panchina: l’azzurro realizza 13 punti in 27’ con 5/7 dal campo e un plus/minus complessivo di +13. Di seguito il quadro completo dei risultati della notte.

New York Knicks-Brooklyn Nets 110-96

Washington Wizards-Boston Celtics 118-93

Charlotte Hornets-Utah Jazz 104-98

Orlando Magic-Minnesota Timberwolves 107-123

Indiana Pacers-Philadelphia 76ers 122-115 OT

Atlanta Hawks-Chicago Bulls 115-107

Oklahoma City Thunder-Toronto Raptors 102-112

Phoenix Suns-Detroit Pistons 107-100

San Antonio Spurs-Houston Rockets 99-101

Los Angeles Clippers-Portland Trail Blazers 111-80

Golden State Warriors-Dallas Mavericks 116-95

 

simone.brugnoli@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pagina Facebook Harden

Tag

Lascia un commento

Top