Calcio femminile, Champions League 2016-2017: Fortuna Hjorring-Brescia 3-1, le leonesse salutano l’Europa

Edoardo-Gramignoli_Brescia-calcio-femminile-5.jpg

Termina al Hjorring Stadium (Danimarca) l’avventura del Brescia di Milena Bertolini negli ottavi di finale di Champions League di calcio femminile. Le leonesse sono state sconfitte 3-1 dal Fortuna Hjorring per effetto delle marcature di Florentina Olar al 36′ e dell’ex Agsm Verona Camilla Larsen al 49′ e 67′ (doppietta). Il goal della bandiera delle biancoblu porta la firma di Raffaella Manieri all’81’.

Le attese della vigilia sono confermate e Bertolini punta sul tridente offensivo Cristiana Girelli, Stefania Tarenzi e Daniela Sabatino per far male alla retroguardia avversaria. L’inizio sembra promettere bene, con Girelli molto attiva in fase di conclusione, come al 27′, e soltanto una grande parata di Maria Christensen evita la realizzazione. Portiere del Fortuna che si ripete anche su Bonansea, due minuti più tardi, salvando la propria squadra dalla capitolazione. Tuttavia, le padrone di casa iniziano a farsi vedere dalle parti di Chiara Marchitelli alla mezzora con la solita Tamires ma è la Olar a sbloccare il risultato. Tentano subito una reazione le rondinelle con Elisa Mele al 41′ a sfiorare il pareggio. Su quest’occasione si concludono i primi 45′ di gioco.

Nella ripresa l’inizio è da film horror per le biancoblu che dopo 4′ subiscono la rete di Larsen. Una marcatura che, di fatto, mette in discesa le sorti del confronto, tenendo anche conto dello score dell’andata (vittoria per 1-0 del Fortuna). Le scandinava sfiorano il tris in più di un’occasione ma è sempre l’ex giocatrice del Verona a trovare la segnatura al 67′ portando il punteggio sul 3-0. Un passivo molto pesante per il Brescia che all’81’ realizza con Manieri, senza mitigare l’amarezza del ko e dell’eliminazione dalla Champions.

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto di Edoardo Gramignoli

Lascia un commento

Top