Calcio, Qualificazioni Mondiali 2018: un’Italia di carattere si impone 3-1 in Israele

Pellè-italia-calcio-foto-twitter-uefa-euro-2016.jpg

Comincia bene l’avventura della Nazionale di Giampiero Ventura nelle Qualificazioni Mondiali a Russia 2018. Nell’insidiosa trasferta di Haifa, l’Italia si è imposta, in maniera sofferta, 3-1 contro Israele grazie ai goal di Graziano Pellè al 14′, Antonio Candreva al 31’su rigore ed Immobile al 83′, in dieci dal 55′. La rete dei padroni di casa è stata siglata da Tal Ben Haim II al 35′. Con questo risultato gli azzurri salgono in vetta al gruppo G in compagnia della Spagna.

PRIMO TEMPO – Nazionale che scende in campo con la formazione prevista alla vigilia (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Candreva, Parolo, Verratti, Bonaventura, Antonelli; Eder, Pellè. Un assetto volto ad allargare le maglie della difesa israeliana disposto in campo con un ermetico 4-5-1. Azzurri che nei primi minuti soffrono l’intensità dei padroni di casa ma, alla prima palla buona, ispirata da Verratti e rifinita sull’out sinistro da Antonelli per Pellè, sbloccano il risultato grazie all’attaccante dello Shandong Luneng, alla nona realizzazione con la maglia della Nazionale. La squadra di Ventura senza impressionare più di tanto gestisce l’incontro, cercando di ripartire in contropiede e punire la disattenta difesa degli uomini di Levy Elisha. E’ in una di queste ripartenze che Bonaventura, autore di un ottimo primo tempo, va via sulla sinistra, costringendo al fallo in area Ben Bitton. Sul dischetto va Candreva che con freddezza spiazza Goresh raddoppiando al 31′. Per gli amanti delle statistiche, sei degli ultimi 24 goal siglati dall’Italia sono su rigore e tre di essi portano la firma del giocatore dell’Inter. Sembra che il match si incanali sui binari più favorevoli per la nostra selezione, con un Verratti sempre ad ispirare e molto preciso anche in interdizione. Sfortunatamente, un errore in impostazione di Chiellini, non il primo in questa nuovo inizio di stagione con la maglia azzurra, costa caro all’Italia che subisce la marcatura di Tal Ben Haim II. I calciatori italiani si scuotono, in caccia del terzo goal, sfiorando la realizzazione all’ultimo minuto sempre con Pellè che, imbeccato da un cross di Candreva sulla destra, colpisce perentoriamente di testa costringendo ad un difficile intervento l’estremo difensore israeliano. Sul 2-1 si chiudono i primi 45′.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa il match si complica per un Chiellini in serata no, espulso per doppia ammonizione dopo aver fermato con le maniere forti Hemed al 55′. Cartellino rosso che costringe il ct italiano a sostituire Bonaventura, tra i migliori, con Angelo Ogbonna e Candreva con Florenzi, rimanendo comunque con la difesa a tre. Grande sofferenza e Buffon costretto agli straordinari al 67′ su Zahavi che, sulla respinta corta del portiere della Juventus sulla conclusione di Kehat, compie un autentico miracolo. I minuti passano lentamente e l’ultimo cambio (Eder-Immobile) tenta di dare forze fresche nella zona offensiva tricolore. Una sostituzione che si rivela indovinata per il goal dell’attaccante della Lazio al 83′ che, servito da una splendida sponda di Pellè, fa partire un diagonale a pelo d’erba imprendibile per il portiere avversario. Immobile scatenato e vicinissimo al poker, lanciato in profondità da una grande giocata di Florenzi sulla destra al 85′. Su questa chance si conclude una sfida molto sofferta per i nostri colori dove però l’Italia ha mostrato grande carattere.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Immagine: profilo twitter Uefa 2016

Lascia un commento

Top