Basket, Olimpiadi Rio 2016: alla fine Gasol batte Mills. Bronzo Spagna dopo una splendida battaglia

basket-nikola-mirotic-spagna-Credit-Photo-Fiba-Basketball-Twitter.jpg

Una partita indimenticabile, una splendida battaglia. Spagna e Australia onorano il bronze match valido per il torneo maschile del basket a Rio 2016, regalando emozioni, incertezze, grandi giocate, sorpassi e controsorpassi; alla fine (ma proprio alla fine…) la spuntano le Furie Rosse, guidate come al solito da un sontuoso Pau Gasol. Il líder máximo storico della compagine iberica ne mette 31 (più 11 rimbalzi), vincendo lo scontro diretto con Patty Mills (30pti), altro protagonista in stato di grazia della partita, e consegnando alla Spagna la terza medaglia olimpica consecutiva nel basket.

La cronaca del match
I quintetti di partenza. Australia: Mills, Bogut, Ingles, Dellavedova, Baynes. Spagna: Gasol, Fernandez, Llull, Mirotic, Rubio. Primo quarto. Si parte soft: due punti firmati Baynes e sei messi a referto da Gasol e Mirotic; punteggio basso, a metà periodo, si è appena sul 5-11 Spagna. Difese dominanti, percentuali bassissime dal campo per gli australiani. 17-23 il primo parziale. Gasol e Mirotic trascinatori, nonostante la Spagna non vada oltre un modesto 50% al tiro.

II quarto. Capitan Andersen avvicina i suoi fino al -4, Reyes respinge il nemico (+9). Pau Gasol (13pti) tira con oltre l’80%, ma Mills (10pti), Andersen (13pti) e le loro triple tengono l’Australia in vita. Alla sirena il divario fra le due squadre è di soli 2 punti, ciò soprattutto grazie ad una supremazia a rimbalzo evidente da parte degli oceanici. Australia 38 – 40 Spagna al 20′.

III quarto. Pronti-via e 5-0 di parziale per l’Australia, Rubio e Gasol rimettono la freccia, ma la vera notizia di quest’inizio di contesa è il quinto fallo (al 2′!) di Bogut: perdita tecnica molto grave per i Boomers. L’equilibrio regna sovrano in questo terzo periodo, ma Pau Gasol continua ad essere un fattore troppo determinante per tutti: 25 punti, 9 rimbalzi in partita. Mostruoso. Patty Mills risponde con 23 punti, toccando quasi il 50% dei punti della sua squadra. Finiscono 10′ bellissimi e ricchi di punti (26-27) che portano le due squadre sul 64-67 Spagna prima dell’ultima frazione di partita.

IV quarto. Panchina decisiva per l’Australia: Motum (12pti) e Broekhoff (8pti) fissano l’ennesima parità, a quota 70, dopo due minuti di gioco. Sorpassi e controsorpassi si succedono vorticosamente fino alla fine. Una bomba più schiacciata NBA di Gasol, a due minuti e spiccioli dalla sirena, sembrano spaccare definitivamente il match, ma Mills fa 30 e riporta a -1 gli australiani. 84-85 Spagna e due liberi Australia a 35 secondi dallo scadere: Andersen li mette ed è sorpasso Boomers. Possesso Spagna, fallo Baynes su Gasol: due tiri liberi. Li mette: 86-87 Spagna. Capovolgimento e lo stesso Baynes mette il semi-gancio della vita. 88-87 Australia! Rodriguez tenta la penetrazione della disperazione e subisce un fallo discutibile: 88-89, nessun timore. 5.4 secondi, ultimo possesso Australia. Non succede più nulla, finisce 88-89 per la Spagna, che se può tornarsene in Europa con il bronzo olimpico.

Il tabellino

Australia: Mills 30, Bogut 2, Ingles 4, Dellavedova 6, Baynes 6, Broekhoff 13, Goulding ne, Lisch, Andersen 15, Motum 12, Bairstow ne, Martin. All. Lemanis.

Spagna: Rubio 3, Llull 2, Fernandez 10, Mirotic 14, Gasol 31 (11 rimbalzi), Rodriguez 11, Navarro 3, Reyes 7, Hernangomez 2, Claver 6, Calderon ne, Abrines ne. All. Scariolo.

giuseppe.urbano@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Credit Photo: Fiba Basketball Twitter

Lascia un commento

Top