Tour de France 2016: Cavendish perfetto, cala il poker!

CmXnofKWYAA4E4K1-e1467472533915.jpg

Mark Cavendish si dimostra il velocista più forte e scaltro del Tour de France. Quarta vittoria di tappa per lui e quattro sprint di lucidità e forza: oggi è uscito perfettamente dalla ruota di Kittel e ha vinto con margine la 14esima tappa, 208 chilometri da Montélimar a Villars-les-Dombes Parc des Oiseaux.

Il gruppo nella prima ora si è mantenuto compatto, complice il vento contrario che ha scoraggiato gli attacchi. Quattro coraggiosi atleti, nonostante le condizioni meteo avverse, hanno tentato la sorte andando in avanscoperta: Jérémy Roy (FDJ), Alex Howes (Cannondale), Martin Elmiger (IAM) e Cesare Benedetti (Bora-Argon18). Nonostante un buon margine guadagnato nei primi chilometri dell’attacco, il gruppo ha tamponato sin da subito e ha fermato il distacco nell’ordine dei quattro-cinque minuti.

La media oraria si è mantenuta molto bassa per tutta la tappa e le squadre dei velocisti hanno controllato il ritmo in gruppo. Sempre sull’attenti, invece, le formazioni degli uomini di classifica con il Team Sky e la BMC che non hanno mai abbandonato le prime posizioni per difendere i propri capitani da eventuali problemi. Da segnalare solo alcuni momenti di nervosismo per il vento laterale nel lungo inseguimento alle fasi finali di corsa.

Una volta entrati negli ultimi 10 chilometri il gruppetto degli attaccanti si è ridotto a due unità, composto solo da Roy ed Elmiger, con Howes rialzato diversi chilometri prima e l’azzurro Benedetti attardato dopo uno scatto di Roy. L’azione di questi due atleti si è conclusa a 3 chilometri dalla conclusione quando sono subentrati i treni dei velocisti in testa alla corsa.

Nelle fasi finali la Etixx-QuickStep e la Lotto-Soudal si sono alternate al comando del gruppo, ma alla fine è stata la squadra di Marcel Kittel, con Fabio Sabatini, a lanciare lo sprint: il tedesco si è però trascinato Mark Cavendish a ruota. Il britannico della Dimension Data non ha chiesto neanche il permesso ma si è limitato a mettere la freccia per andare e vincere la quarta tappa del suo Tour de France con una volata imperiale. Alle sue spalle il norvegese Alexander Kristoff (Katusha), seguito dalla maglia verde Peter Sagan (Tinkoff) e John Degenkolb (Giant-Alpecin). Solo quinto Kittel, forse ostacolato nel suo sprint, davanti ad André Greipel (Lotto-Soudal). Cavendish, con questa vittoria, è salito a quota 30 al Tour de France. Ottavo Davide Cimolai (Lampre-Merida) finalmente piazzato in un Tour fino ad ora anonimo.

Tutto invariato nelle zone nobili della classifica generale, con i big che non hanno avuto problemi a mantenersi nel gruppo di testa.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Foto: Twitter Dimension Data

Lascia un commento

Top