Pentathlon, Olimpiadi Rio 2016: le favorite della gara femminile

Pentathlon-Lena-Schoneborn.jpg

Rispetto all’affollatissima gara olimpica maschile di pentathlon moderno (a livello di pretendenti al podio), quella femminile può contare, almeno sulla carta, su una cerchia un po’ più ristretta di candidate alle medaglie. Certo, l’imprevedibilità dello sport, e della multi-disciplina tanto cara al barone De Coubertin in particolare, non va mai in letargo, tuttavia, sul podio di Rio difficilmente ci saliranno ragazze non menzionate in questo articolo…

Punto di partenza: quasi impossibile immaginare la fenomenale tedesca Lena Schöneborn fuori dalla lotta per le medaglie. La trentenne di Troisdorf sa già come si vincono pregiati metalli olimpici (oro a Pechino) e, con il passare degli anni, ha palesato una costanza di rendimento spaventosa. Alle vagonate di piazzamenti mondiali ed europei conseguiti in questi anni, vanno infatti sommati gli eccellenti risultati del 2016: due vittorie parziali e successo finale in Coppa del Mondo, altri tre podi tra C.d.M. e mondiali di Mosca. Stiamo parlando solo di prove individuali…

Le prime tre antagoniste della Schöneborn a Rio dovrebbero essere l’ungherese Zsofia Foldhazi, la francese Elodie Clouvel e l’immarcescibile Laura Asadauskaite, oro a Londra e bi-campionessa continentale in carica. La trentaduenne lituana c’ha messo un po’ a carburare quest’anno, ma la recente vittoria agli Europei di Sofia, sommata a classe ed esperienza da vendere, ne fanno una favorita d’obbligo al podio brasiliano. Le due più giovani pentatlete di cui sopra, invece, hanno centrato due podi internazionali ciascuna in questa stagione e sono sembrate davvero in palla. Occhio al nuovo (ma non troppo) che avanza…

Appena dietro questo prestigioso poker di “papabili”, troviamo coloro che le seguono anche nel ranking mondiale: l’iridata 2016 Sarolta Kovacsla tedesca Annika Schleu, la bielorussa Anastasiya Prokopenko, la russa Donata Rimsaite, l’altra lituana Ieva Serapinaite, la padrona di casa Yane Marques (bronzo a Londra 2012) e l’italiana Claudia Cesarini. Sì, avete letto bene! Non possiamo non dare chances da podio alla sesta pentatleta del ranking mondiale, a colei che ha trionfato nella “pre-olimpica” di Rio de Janeiro in Coppa del Mondo e ad un’atleta esperta (25^ ai Giochi di quattro anni fa) che ha dimostrato di aver raggiunto proprio quest’anno l’acme della sua maturità agonistica.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Lascia un commento

Top