Giro d’Italia 2016, Palmanova-Cividale del Friuli: ecco le grandi montagne!

Schermata-2016-05-01-alle-09.40.20.png

Finalmente la Alpi. Il Giro d’Italia raggiunge il suo luogo simbolo nei 170 chilometri tra Palmanova e Cividale del Friuli, sedi di partenza e arrivo nella tredicesima tappa della corsa rosa arrivata alla sua edizione 99.

I primi 45 chilometri sono in leggero falsopiano ascendente e portano i corridori fino all’inizio della salita di Montemaggiore, un prima categoria di 8 chilometri all’8%. Dopo un inizio soft, gli ultimi 6 chilometri hanno una pendenza media del 10%, con una massima del 15 sulle ultimissime rampe. Ascesa fondamentale per la formazione della fuga di giornata. Discesa, spezzata da un falsopiano e poi un’altra salita, il Crai. Si tratta di un Gpm di seconda categoria, i primi 4 chilometri tendenti al 9% prima di un falsopiano irregolare fino alla cima, dove mancano 90 chilometri alla conclusione.

Dopo una fase di relativa tranquillità, a 40 chilometri dalla conclusione la Cima Porzis potrebbe ribaltare la situazione: sette chilometri al 9%, con punte al 16. Snodo fondamentale della tappa e probabilmente anche del Giro. Gli uomini di classifica potrebbero essere chiamati a darsi battaglia in prima persona, ma una volta in cima la tappa non è finita. La salita di Valle, l’ultima di giornata, potrebbe sembrare più facile. È indicata come una seconda categoria ma sono oltre 6 chilometri all’8,5% di pendenza media. Dalla cima al traguardo solo 14 chilometri, sette dei quali in discesa prima di un tratto pianeggiante nel finale.

Con Mikel Landa ritirato, i due uomini su cui puntare i fari sono Vincenzo Nibali ed Alejandro Valverde. Oltre che ottimi scalatori, i due sono anche tra i migliori discesisti del gruppo e in quest’ottica la tappa di oggi potrebbe essere molto favorevole per loro. Test fondamentale anche per Bob Jungels, detentore della maglia rosa: il suo margine di vantaggio è relativo, specialmente con queste salite in programma, ma potrebbe provare a difendersi per lo stato di forma messo in mostra negli scorsi giorni. Altro nome caldo quello di Esteban Chaves, forse l’uomo con il maggior interesse nel provare un attacco per il ritardo accumulato nella generale.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Lascia un commento

Top