Giro d’Italia 2016: Campi Bisegno-Sestola, Pian del Falco rampa di lancio ideale per gli scatti

T10_Sestola_alt-PRE1.jpg

Torna il Giro d’Italia: dopo la cronometro del Chianti, che ha dato i primi segnali in chiave classifica generale, ed il secondo giorno di riposo, utile ai corridori per recuperare le energie perse nei primi 10 giorni di gara, si riparte con una lunga frazione. Decima tappa: partenza da Campi Bisenzio, in Toscana, arrivo in quota a Sestola, in Emilia Romagna, dopo 219 chilometri.

Prima vera frazione di montagna per la Corsa Rosa: si iniziano a scalare gli Appennini. Quattro i GPM di giornata: tre di terza categoria ed uno di prima. Nella parte iniziale di gara si scaleranno il Passo della Collina ed il Pietracolora, dove si formerà sicuramente la fuga. Ascese non impossibili, ma se la velocità dovesse essere alta le fatiche si potrebbero far sentire sul finale. Pochissima pianura con il cambio di regione: tantissimi i saliscendi che porteranno al momento clou della frazione. A circa 30 chilometri dall’arrivo la salita di Pian del Falco, 16 chilometri divisi in tre spezzoni: primi quattro chilometri al 7% di pendenza media, poi una parte in falsopiano e gli ultimi tre chilometri al 9% di pendenza media, con tratti che superano il 10%. Appena scollinati breve discesa che porta verso l’ascesa finale di Sestola: sette chilometri al 5% che comunque si faranno sicuramente sentire sulle gambe dei corridori.

Scenario ideale per aprire queste ultime due settimane di Giro. Lo spazio per provare ad attaccare c’è: Vincenzo Nibali (Astana) ed Alejandro Valverde (Movistar) sembrano essere i più in forma in salita, ma stanno salendo anche le quotazioni di Mikel Landa (Team Sky). Se gli outsiders volessero provare a recuperare secondi persi contro il tempo (Esteban Chaves su tutti) bisognerà attaccare già sulla penultima salita: lì si potrebbe accendere la miccia per una frazione davvero spettacolare. Da seguire ovviamente anche la corsa in chiave Maglia Rosa: Gianluca Brambilla sta andando forte, ma potrebbe pagare le fatiche passate.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.bruno@oasport.it

Lascia un commento

Top